AtmosferaEuropaVideo

Aerei a terra in Europa: quasi fermo il traffico aereo per via del Coronavirus

Complessivamente, nell'arco del mese di marzo, il traffico aereo in Europa è diminuito del 41% rispetto all'anno scorso

L’emergenza sanitaria del Coronavirus ha ridotto la media giornaliera degli aerei in volo in Europa dell’41% rispetto al mese di marzo del 2019. Lo rende noto Eurocontrol che sta monitorando l’andamento del traffico aereo principalmente in Europa. Secondo il rapporto, complessivamente a marzo in Italia il calo è di quasi il 66%, seguono Georgia, Slovenia e Israele con un calo del 56-57%. In Francia il calo è stato del 43%, in Spagna e Germania del 42%.

Le restrizioni alla circolazione, però, sono state introdotte gradualmente nel corso del mese nei Paesi europei. Se osserviamo il calo giornaliero rispetto alla stessa data dell’anno scorso, infatti, le percentuali aumentano vertiginosamente verso fine mese fino a raggiungere il 29 marzo un picco di -87,9% .

A calare è evidentemente il traffico di passeggeri, mentre il traffico cargo di merci resta quasi immutato, con una flessione giornaliera a fine mese del 2% rispetto all’anno scorso. I voli delle compagnie low cost e tradizionali sono calati, invece, rispettivamente del 96 e del 87 per cento al 28 marzo. Il record negativo in termini assoluti è quello registrato lunedì 30 marzo, con 26.856 voli in meno rispetto allo stesso periodo del 2019.

Leggi anche:

Coronavirus, aerei e meteo: come lo stop dell’aviazione può mandare in crisi le previsioni del tempo

Anche a livello globale, gli aerei in volo sono diminuiti drasticamente in seguito alle misure restrittive per il Coronavirus. Secondo il monitoraggio di Flightradar24, a marzo del 2019 ogni giorno si contava una media di 176.000 voli. Quest’anno, invece, la media è scesa a 145.000.

Tags

Silvia Turci

Ho conseguito una laurea specialistica in Comunicazione per l’Impresa, i media e le organizzazioni complesse all’Università Cattolica di Milano. Il mio percorso accademico si basa però sullo studio approfondito delle lingue straniere, nello specifico del francese, inglese e russo, culminato con una laurea triennale in Esperto linguistico d’Impresa. Sono arrivata a Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995) nel 2014 e da allora sono entrata in contatto con la meteorologia e le scienze del clima: una continua scoperta che mi ha fatto appassionare ogni giorno di più al mio lavoro.

Articoli correlati