Ghiacci

Il collasso del ghiacciaio Thwaites in Antartide farebbe aumentare il livello dei mari di mezzo metro

Un nuovo studio ha preso in esame gli effetti catastrofici del potenziale collasso dell'instabile ghiacciaio Thwaites

In Antartide un ghiacciaio grande quasi 5 volte la Sicilia, potrebbe presto collassare e aumentare il livello degli oceani e dei mari di mezzo metro. Lo rivela uno studio effettuato da ricercatori della Georgia Institute of Technology, in collaborazione con la Nasa Jet Propulsion Laboratory e l’Università di Washington, pubblicato su Proceeding of National Academy of Sciences.

Il potenziale collasso delle banchise di ghiaccio, spiegano i ricercatori, è l’unico fattore di incertezza nelle proiezioni dell’innalzamento dei mari. Il livello di mari e oceani potrebbe alzarsi ancora più rapidamente se le banchise di ghiaccio diventassero instabili: l’instabilità del ghiaccio, processo che spinge il ghiaccio nelle profondità oceaniche, potrebbe infatti stravolgere le proiezioni fatte finora sull’innalzamento del livello dei mari.

thwaites ghiacciaio livello mari
Fonte Nsidc

Nello studio sono state prese in considerazioni 500 simulazioni riguardanti il ghiacciaio Thwaites, situato nell’Antartide occidentale  accanto al ghiacciaio di Pine Island. Si tratta di una banchisa estesa per 120 mila chilometri quadrati, praticamente quasi 5 volte la Sicilia ed è uno dei 5 ghiacciai in Antartide ritenuti instabili dagli studiosi. Negli ultimi 6 anni questo ghiacciaio ha raddoppiato la velocità con cui perde ghiaccio. La parte del ghiacciaio immersa e a contatto con il fondale si ritira mentre, verso la superficie dell’acqua, il ghiaccio continua a galleggiare. Qui la banchisa si fa sempre più sottile, favorendo la formazione di crepe.

Le proiezioni effettuate vanno tutte nella stessa direzione: una volta raggiunto il punto critico, il ghiacciaio potrebbe collassare aumentando oltre ogni immaginazione il livello dei mari. Nel peggiore dei casi il collasso del ghiacciaio Thwaites potrebbe far salire i livelli di oceani e mari del mondo di mezzo metro nel giro di 150 anni.

Instabilità di un ghiacciaio. Fonte IPCC

Questa ricerca ha messo in luce come quanto ancora sia difficile determinare gli scenari futuri sull’innalzamento degli oceani. I modelli a larga scala però, sottolineano gli autori, potrebbero essere troppo costosi per studiare tutti i ghiacciai in Antartide e per questo c’è la necessità di trovare metodi alternativi per ipotizzare scenari futuri.

Nello studio non sono state considerate le variabili climatiche che potrebbero esasperare ulteriormente questo processo. Come conferma il rapporto pubblicato l’anno scorso dalla IPCC, il clima potrebbe innescare un collasso dei ghiacciai dell’Antartide che poi potrebbe continuare per i secoli a seguire, a prescindere dalle condizioni climatiche.

Tags

Silvia Turci

Ho conseguito una laurea specialistica in Comunicazione per l’Impresa, i media e le organizzazioni complesse all’Università Cattolica di Milano. Il mio percorso accademico si basa però sullo studio approfondito delle lingue straniere, nello specifico del francese, inglese e russo, culminato con una laurea triennale in Esperto linguistico d’Impresa. Sono arrivata a Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995) nel 2014 e da allora sono entrata in contatto con la meteorologia e le scienze del clima: una continua scoperta che mi ha fatto appassionare ogni giorno di più al mio lavoro.

Articoli correlati