Acqua - Water ObservatoryIniziative

Moda e salvaguardia della barriera corallina. Attivisti in prima linea

Coral Gardeners e North Sails unite dall'impegno di riportare il colore nel nostro oceano

Proprio a ridosso della Giornata mondiale degli Oceani che si celebra dal 1992 ogni 8 giugno, North Sails insieme a Coral Gardeners ha lanciato la collezione Primavera/Estate 2022 definita come una lettera d’amore per l’oceano, un’ode ai colori, alla bellezza e alle esperienze che danno loro ispirazione e sostegno. Coral Gardeners è una realtà nata nel 2017, un collettivo di giovanissimi, definiti dalla stampa mondiale “Ocean Innovators” volti alla difesa e alla salvaguardia della barriera corallina. L’avventura di questi guardiani degli abissi, è nata dalla volontà di Titouan Bernicot, fotografo e apneista nato e cresciuto a Moorea, nella Polinesia francese: vedere la sua isola e il suo habitat sotto attacco è stata la spinta che lo ha portato ad agire.

Coral Gardeners

Il metodo operativo di Coral Gardeners è delicato e minuzioso: la chiave sta nella cura dei “super coralli”, quelli resistenti per genetica che in condizioni avverse non muoiono e vengono piantati, fatti crescere in un vero e proprio vivaio; una volta maturi vengono trapiantati nelle aree più danneggiate della barriera corallina. Ogni corallo piantato viene poi monitorato attentamente per settimane. L’idea geniale del gruppo è stata anche quella di poter rendere tutti partecipi di questo salvataggio marino: sul sito c’è la possibilità di adottare un super corallo, scegliendo tra numerose varietà e specie di colori e forme differenti. Una volta adottato gli si da un nome e si riceve anche una card che ne attesta la paternità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CORAL GARDENERS (@coralgardeners)


La collezione vede una proposta di capi, per uomo, donna e bambino, sostenibili per l’oceano, disegnati pensando agli habitat marini. L’ispirazione di partenza è il mare: le mattine silenziose in attesa dell’onda ideale, l’aria salmastra sulla pelle, il corallo dai colori vividi e brillanti della Grande Barriera Corallina a Honaunau Bay e Moorea. Per ogni acquisto superiore a 150 euro si adotta un corallo: ne viene infatti piantato uno nuovo scelto per sopravvivere ai cambiamenti climatici. Marisa Selfa, CEO di North Sails Apparel, ha commentato: “Il team di Coral Gardener è per me una fonte ispirazione. Ci hanno consentito di sostenere il mantenimento di una barriera corallina sana, contribuendo così alla conservazione dell’oceano. E sono molto grata a loro per questo”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CORAL GARDENERS (@coralgardeners)

Coral Gardeners rappresenta il mio sogno infantile, quello di un bambino che vive su un’isola, convinto che il cambiamento del mondo potesse cominciare riparando un ramo di corallo spezzato. È iniziato come un sogno e, nel 2017, si è trasformato in un progetto di amicizia che ha disegnato i contorni di ciò che oggi è Coral Gardeners: un collettivo di appassionati che si impegnano a salvare la barriera corallina” queste le parole di Titouan Bernicot, fondatore e CEO di Coral Gardeners.

Coral Gardeners

I 25 pezzi che fanno parte della collezione sono stati sviluppati con grande attenzione, tenendo in considerazione funzionalità, stile e impatto ambientale. Tutti i materiali sono stati scelti con cura: dal cotone organico al piquet, allo chiffon e alla Lycra riciclati, dal jersey di cotone Seacell al cotone Seacell. I capi in Seacell sono realizzati utilizzando alghe coltivate nei fiordi islandesi e il tessuto è completamente biodegradabile. Coral Gardeners nato come il sogno di un gruppo di polinesiani francesi, vanta già la piantumazione di 15000 coralli con l’obiettivo di piantarne un milione.

Stefania Andriola

Lavoro in redazione da febbraio 2010. Mi piace definirmi “giornalista, scrittrice e viaggiatrice”. Adoro viaggiare, conoscere culture diverse; amo correre, andare in bicicletta, fare lunghe passeggiate ma anche leggere un buon libro. Al mattino mi sveglio sempre con un’idea: cercare di aggiungere ogni giorno un paragrafo nuovo e interessante al libro della mia vita e i viaggi riempiono le pagine che maggiormente amo. La meteorologia per me non è solo una scienza ma è una passione e un modo per ricordarmi quanto siamo impotenti di fronte alle forze della natura. Non possiamo chiudere gli occhi e dobbiamo pensare a dare il nostro contributo per salvaguardare il Pianeta. Bastano piccoli gesti.

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie