Atmosfera

Troppo fumo, aria irrespirabile: si fermano gli Australian Open

Impressionanti le concentrazioni orarie di PM10 e PM2.5 raggiunte a Melbourne

Le qualificazioni per gli Australian Open sono state rimandate per l’inquinamento dell’aria causato dal fumo degli incendi. Dalila Jakupovic si è ritirata a causa della pessima qualità dell’aria a Melbourne: “Avevo paura di svenire, non riuscivo nemmeno a camminare”, commenta la tennista.

Molti giocatori hanno protestato, chiedendo l’annullamento della giornata di qualificazione. Alcune tenniste hanno avuto problemi respiratori.  Rafael Nadal e altri giocatori hanno deciso di allenarsi al coperto mentre Maria Sharapova ha interrotto il suo incontro-esibizione di beneficenza.

Livelli di PM2.5 a Melbourne. Fonte EPA

Oggi le concentrazioni di PM2.5 hanno raggiunto picchi orari impressionanti, anche superiori ai 400-600 µg/m³ a Melbourne. Concentrazioni definite rischiose (hazardous) per la salute umana. I valori sono in lento calo ma restano comunque oltre la soglia limite per la salute. Alte anche le concentrazioni di PM10 che in alcune stazioni della città hanno superato i 500 µg/m³.

Secondo gli organizzatori, che monitorano costantemente la qualità dell’aria, le condizioni dovrebbero migliorare e, per questo, hanno scelto di rimandare gli incontri.

Tags

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati