EsteroInquinamentoNotizie Mondo

Primavera rovente in India, superati i 45°C. A Nuova Delhi aria irrespirabile per il fumo degli incendi

Una intensa e precoce ondata di caldo sta interessando da giorni vasti settori dell’India e del Pakistan: ieri il termometro è salito fino ad una temperatura massima di 45,2°C in India, nella città di Wardha nel cuore del Paese. Secondo le previsioni del Servizio Meteorologico Indiano la situazione potrebbe persistere fino all’inizio di maggio: su gran parte dei settori settentrionali dello stato, infatti, vige un’allerta gialla per l’ondata di caldo.

Caldo eccezionale, incendi e inquinamento: la situazione in India

A Nuova Delhi la temperatura è aumentata di giorno in giorno fino a raggiungere ieri i 41,5 gradi. Negli ultimi 5 giorni a Mumbai il termometro ha raggiunto i 38,5 gradi, mentre a Calcutta ha sfiorato i 40 gradi (39,6). Il caldo non concede tregua nemmeno di notte: la temperature si è mantenuta diffusamente oltre i 20 gradi, e a Nuova Delhi oltre i 25 gradi.

A causa del caldo intenso, attorno alla Capitale sono divampati alcuni incendi, uno dei quali scoppiato nella discarica di Bhalswa. Si teme un aumento dell’inquinamento atmosferico importante, anche nella città di Nuova Delhi, dove il cielo è diventato grigio e l’aria pesante.

Il Ministro dell’Ambiente Gopal Rai ha chiesto alla Commissione di Controllo dell’Inquinamento della Capitale di realizzare un report sulla situazione.

Non è la prima volta che scoppia un incendio nella discarica di Bhalswa: si sono verificati altri 3 episodi nell’ultimo mese. Il National Green Tribunal solo una settimana fa aveva avvertito della pericolosità delle discariche di Nuova Delhi e di altre città dell’India, definendole come “bombe a orologeria pronte ad esplodere”: in queste discariche, infatti, si generano pericolosi gas, come il metano, che aumentano il rischio di esplosioni.

Attualmente le centraline ufficiali di monitoraggio dell’aria stanno rilevando concentrazioni di PM10 superiori a 280 ug/m3, con picchi di 310 ug/m3, ossia 3 volte superiori al limite. Anche il PM2.5 è molto elevato: nelle ultime 24 ore si sono registrate concentrazioni di oltre 150 ug/m3 a Nuova Delhi: si tratta di concentrazioni due volte al limite massimo, fissato in India a 60 ug/m3.

Leggi anche:

Consumiamo troppa sabbia: il decalogo degli esperti per evitare una crisi

Meteo estremo, l’impatto di alluvioni ed eventi “secondari” stupisce le Assicurazioni

La Nuova Zelanda agisce contro la crisi climatica: ecco il Piano Nazionale

Silvia Turci

Ho conseguito una laurea specialistica in Comunicazione per l’Impresa, i media e le organizzazioni complesse all’Università Cattolica di Milano. Il mio percorso accademico si basa però sullo studio approfondito delle lingue straniere, nello specifico del francese, inglese e russo, culminato con una laurea triennale in Esperto linguistico d’Impresa. Sono arrivata a Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995) nel 2014 e da allora sono entrata in contatto con la meteorologia e le scienze del clima: una continua scoperta che mi ha fatto appassionare ogni giorno di più al mio lavoro.

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie