ClimaGhiacci

Ghiaccio artico al minimo, manca all’appello un’area grande quanto la Groenlandia

A livello globale Settembre 2019 è stato il più caldo dal 1980

Il mese di settembre 2019 è stato il più caldo, a livello globale, dal 1980 e alla Calotta artica manca una superficie di ghiaccio grande quanto la Groenlandia. Lo rivelano il report mensile di Copernicus Ecmwf e i dati del National Snow & Ice Data Center.

Caldo record a Settembre 2019

A settembre oceani e terre emerse del Mondo sono stati di 0,57°C più caldi della media 1981-2010. Di poco alle sue spalle c’è il mese Settembre del 2016 (solo 0,02°C più “freddo”) e quello del 2017 (0,1°C più “freddo”). Le anomalie più evidenti si sono verificate negli Stati Uniti centro-orientali, sull’altopiano della Mongolia e in zone dell’Artico. Più freddi solo il sud-ovest della Russia e l’Antartide.

In Europa a settembre le temperature sono rimaste quasi ovunque oltre la media: fanno eccezione solo Norvegia e Svezia e i settori più orientali del Continente. L’anomalia europea del mese di settembre appena concluso si attesta a 0,7°C.

Anomalie di settembre 2019. Fonte Copernicus

Ghiaccio artico: manca all’appello un’area grande quanto la Groenlandia

La calotta artica ha raggiunto, a settembre 2019, la terza estensione minima annuale più bassa degli ultimi 41 anni, ossia da quando sono iniziate le misurazioni.

Anomalia temperature Artide e Antartide

Con 4.32 milioni di chilometri quadrati di ghiaccio marino, il mese di settembre 2019 si piazza dietro il 2012 e il 2007: rispetto alla media (1981-2010) mancano all’appello 2.09 milioni di chilometri quadrati. Praticamente come la superficie della Groenlandia. 

Oltre il 70° grado di latitudine nord – ricorda l’NSIDC – le anomalie medie mensili di temperatura dell’aria, a partire da Aprile fino a Settembre 2019, si sono sempre piazzate nelle prime tre più alte dal 1979. Lo dimostra il grafico qui sotto. Tra Giugno, Luglio e Agosto le temperature si sono mantenute in media di 3-4 gradi più alte della media. Lo stesso è avvenuto nella Sibera centrale e nel sud dell’Alaska.

Nel grafico le anomalie mensili della temperatura dell’aria dal 1979 al 2019 a 923 hPa (blu-freddo e rosso-caldo) e la classifica. Fonte National Centers for Environmental Prediction/National Center per la Atmospheric Research (NCEP/NCAR)
Tags

Silvia Turci

Ho conseguito una laurea specialistica in Comunicazione per l’Impresa, i media e le organizzazioni complesse all’Università Cattolica di Milano. Il mio percorso accademico si basa però sullo studio approfondito delle lingue straniere, nello specifico del francese, inglese e russo, culminato con una laurea triennale in Esperto linguistico d’Impresa. Sono arrivata a Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995) nel 2014 e da allora sono entrata in contatto con la meteorologia e le scienze del clima: una continua scoperta che mi ha fatto appassionare ogni giorno di più al mio lavoro.

Articoli correlati