EsteroPrimo PianoTerritorio

Koala e canguri a rischio

In Australia è strage di questi animali a causa di siccità, incendi e caccia

Koala e canguri non se la stanno passando troppo bene in Australia. Un grave periodo di siccità e un centinaio di incendi hanno di recente devastato il sud-est della costa con le fiamme che hanno distrutto migliaia di ettari di territorio. “Wallaby, canguri, daini possono fuggire perché sono in grado di correre, i koala no” ha dichiarato un vigile del fuoco. Molti esemplari di koala sono stati in grado di sopravvivere salendo sulle cime degli alberi e arricciandosi a palla: così facendo anche se parte del loro pelo si brucia, riescono a salvarsi e il pelo poi ricresce. Se il fuoco però non viene contenuto in poco tempo, intere colonie rischiano di morire. I koala sono elencati come specie vulnerabile ai sensi della legge sulla protezione dell’ambiente e della biodiversità: la loro sopravvivenza viene costantemente minacciata anche dalla distruzione del loro habitat per motivi legati all’agricoltura e dal passaggio di automobili e cani.

Foto di TitusStaunton da Pixabay

La pesante siccità che attanaglia il Paese sta causando anche numerose morti per fame di canguri. Si stima che alcune specie abbiano già subito perdite milionarie e che quelle rimanenti siano alla disperata ricerca di cibo. Katherine Moseby ecologa dell’università del New South Wale ha dichiarato che molti di questi animali sono stati visti entrare nei bagni pubblici e mangiare carta igienica, mentre altri sono stati avvistati mentre si nutrivano degli stomaci dei loro simili deceduti, uno spettacolo allarmante e terribile. Inoltre la LAV ha denunciato che ogni anno sono oltre 2 milioni e 300000 i canguri che vengono uccisi, 44 milioni solo negli ultimi 18 anni. La strage silenziosa dell’animale-icona di un intero continente avviene con l’avallo del governo australiano che ne ha consentito la caccia dando vita a una vera e propria filiera commerciale per la vendita di pelli e carni.

Tags

Stefania Andriola

Lavoro in redazione da febbraio 2010. Mi piace definirmi “giornalista, scrittrice e viaggiatrice”. Adoro viaggiare, conoscere culture diverse; amo correre, andare in bicicletta, fare lunghe passeggiate ma anche leggere un buon libro. Al mattino mi sveglio sempre con un’idea: cercare di aggiungere ogni giorno un paragrafo nuovo e interessante al libro della mia vita e i viaggi riempiono le pagine che maggiormente amo. La meteorologia per me non è solo una scienza ma è una passione e un modo per ricordarmi quanto siamo impotenti di fronte alle forze della natura. Non possiamo chiudere gli occhi e dobbiamo pensare a dare il nostro contributo per salvaguardare il Pianeta. Bastano piccoli gesti.

Articoli correlati