IniziativeNotizie dalle aziendeSostenibilitàVivere Green

Promuovere la sostenibilità tra le nuove generazioni, continua il progetto #odiamoglisprechi

Più di 3.000 studenti di 150 classi già coinvolti nell'iniziativa di E.ON per supportare l'insegnamento dell'educazione civica sulle tematiche green

Continua l’impegno di E.ON nel portare avanti l’iniziativa #OdiamoGliSprechi che, dal 2016, promuove la sostenibilità ambientale. Quest’anno è la volta di un progetto educativo a sostegno del reintegrato insegnamento dell’educazione civica nelle scuole italiane.

Anche quest’anno, il progetto è organizzato con il coinvolgimento attivo di Meteo Expert, società editore di IconaClima e Pleiadi, società leader nella divulgazione scientifica e il coordinamento di Antonella Ferrara, strategic corporate advisor. L’iniziativa vede inoltre il coinvolgimento del meteorologo Andrea Giuliacci, già protagonista della Giornata Contro Gli Sprechi E.ON dello scorso anno, che ha collaborato all’elaborazione dei materiali didattici focalizzati sugli effetti del riscaldamento globale sul clima.

Il progetto, che a oggi coinvolge direttamente oltre 3.000 studenti di circa 40 scuole primarie e secondarie di primo grado, consiste di una serie di attività e strumenti digitali e cartacei per educare e sensibilizzare le nuove generazioni al rispetto e all’uso consapevole delle risorse naturali, anche grazie a una più approfondita conoscenza delle regole e delle politiche sul tema.

Per fornire ai docenti strumenti per l’insegnamento dei temi della sostenibilità, anche durante le ore di educazione civica, materia reintrodotta proprio quest’anno, E.ON rilascerà a cadenza bisettimanale materiali digitali a sostegno della didattica, dedicati alla conoscenza delle risorse naturali e ai rischi del cambiamento climatico.
All’interno dei temi trattati, particolare attenzione è dedicata all’impatto sulla vita dell’uomo e sulla qualità dell’aria, delle foreste e degli oceani.

Boschi E.ON, progetti di sostenibilità integrata
Energy4Blue, E.ON per la tutela delle nostre coste e dei mari

In considerazione del particolare momento attuale, il formato digitale è stato scelto per favorire un utilizzo anche laddove si rendesse necessario il ricorso alla didattica a distanza. Inoltre, proprio grazie al formato digitale, oltre alle scuole già coinvolte, tutti gli istituti potranno partecipare al progetto scaricando i materiali nella sezione dedicata del portale E.ON Scuole.

Alle prime 150 classi che prenderanno parte al progetto sarà consegnato un planisfero realizzato in tessuto con tecnologia theBreath®, che filtra l’aria da sostanze inquinanti e batteri: un gesto di attenzione verso la salute dei più piccoli, che rispecchia l’impegno per la riduzione delle emissioni nell’atmosfera grazie alla promozione delle energie rinnovabili. Agli studenti delle scuole coinvolte direttamente sarà spedito un kit personale per “toccare con mano”, gli argomenti trattati attraverso i materiali digitali.

All’interno del percorso, le scuole potranno anche partecipare alla sfida “#OdiamoGliSprechi… del sapere”: i partecipanti dovranno realizzare un progetto innovativo dedicato alla scuola stessa e coloro che si saranno distinti avranno l’opportunità di partecipare alla premiazione finale, un evento digitale che ripercorrerà i momenti salienti dell’intero percorso.

Il nostro approccio alla sostenibilità mira a creare percorsi di consapevolezza, per unire le persone in comunità che condividono idee e buone pratiche e sono in grado di generare un cambiamento diffuso e trasversale. All’interno di questo impegno, la formazione è per noi un elemento fondamentale: siamo infatti convinti dell’importantissimo ruolo sociale delle nuove generazioni nel promuovere il cambiamento dei comportamenti, a partire dal nucleo familiare, per estendersi quindi a tutti gli ambiti che frequentano i nostri ragazzi.

Péter Ilyés, CEO di E.ON Italia

 

Tags

Elisabetta Ruffolo

Nata a Milano, classe 1989, laureata in Economia & Management Pubblico presso la facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Milano, conclude il suo percorso accademico con un elaborato in diritto dell'economia su "La normativa europea sull'equity crowdfunding: problemi e prospettive". Approda a Meteo Expert nel 2016 dove si occupa di coordinare le attività di divulgazione scientifica in ambito televisivo e radiofonico, per le quali è responsabile di produzione. E' responsabile editoriale dei contenuti di IconaClima e IconaMeteo. Studia gestione e comunicazione della sostenibilità presso l'Alta scuola per l'Ambiente dell'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Articoli correlati