Copertina Meteo

Perturbazione sull’Italia: pioggia e venti di tempesta, raffiche oltre i 100 km/h. Le zone coinvolte

L’anticiclone che ha garantito un weekend all’insegna della stabilità meteo si è già indebolito, e nelle ultime ore ha permesso a correnti settentrionali di raggiungere l’Italia. Questo flusso trasporta verso il nostro Paese una nuova perturbazione, che attraverserà l’Italia tra oggi e domani.

In termini di precipitazioni i suoi effetti si faranno sentire soprattutto al Centro-Sud: protetto dall’arco alpino, ancora una volta il Nord resterà per lo più all’asciutto, con la grave siccità che è quindi destinata a prolungarsi. Il transito della perturbazione sarà accompagnato anche da un deciso rinforzo del vento, che si farà sentire in tutto il Paese e nelle regioni settentrionali, spazzate da un intenso vento di Fohn, avrà il merito di ripulire l’aria dall’inquinamento.

Su Alpi e Prealpi e in Sardegna il forte vento potrà far registrare violente raffiche di tempesta oltre i 100 km orari. Ne sarà influenzato anche il mare, che sulle coste orientali dell’Isola potrà fare osservare onde oltre i 6 metri di altezza nella prossima notte.

Le previsioni per le prossime ore

Al mattino condizioni meteo stabili e ampie zone soleggiate su Alpi, versante adriatico del Centro-Sud e settore ionico; nebbie e foschie in Pianura Padana e coste adriatiche del Nord Italia: molte nubi nel resto del Paese, specie sul versante tirrenico. con qualche debole e isolata pioggia su Liguria di Levante, nord-ovest della Toscana, Lazio, Campania e sud-ovest della Calabria.
Nel pomeriggio ampie schiarite in Piemonte, Lombardia e sudest della Sardegna mentre nel resto del paese prevarranno le nuvole; in particolare il cielo si presenterà molto nuvoloso o coperto e con piogge sparse su regioni tirreniche, Romagna, Umbria e Marche. In serata precipitazioni sparse, in prevalenza deboli e solo localmente moderate. Su regioni centrali adriatiche, Umbria, interno del Lazio,  Campania, nord Puglia e Calabria tirrenica con nevicate sull’Appennino centrale intorno ai 1000 metri. Nella seconda parte della giornata locali deboli nevicate in arrivo sulle Alpi di confine tra Val d’Aosta e Alto Adige.

Temperature minime in rialzo al Centro-Sud, stazionarie al Nord con valori intorno allo zero; massime in lieve calo al Centro-Nord, senza grandi variazioni al Sud e Isole maggiori. Venti moderati o tesi occidentali al Centro-Sud fino a forti di Maestrale sulla Sardegna. In serata venti settentrionali in generale rinforzo, fino a tempestosi sulle Alpi e le Prealpi e, di Maestrale: saranno possibili raffiche ben al di sopra dei 100 km/h che soprattutto nella notte potranno spingere verso le coste occidentali dell’isola onde di oltre 6 metri di altezza, più o meno come una casa di 2 piani!

In generale saranno molto mossi il Mare e il Canale di Sardegna, il Canale di Sicilia, il Tirreno meridionale, l’alto Tirreno e il Ligure meridionale; da poco mossi a localmente mossi i restanti bacini; alla sera ulteriore intensificazione del moto ondoso fino ad avere un Mare e Canale di Sardegna e un Canale di Sicilia agitati o molto agitati.

Le previsioni meteo per domani, martedì 1 febbraio

Prima di abbandonare il Paese, nella prima parte di martedì la perturbazione insisterà sull’estremo Sud, portando piogge sparse localmente moderate sulla Puglia centro-meridionale, in Calabria e in Sicilia. Sui rilievi arriverà la neve oltre gli 800-1.200 metri. Nel pomeriggio si osserverà un graduale miglioramento con i fenomeni che tenderanno a esaurirsi.
Nuvolosità irregolare su Abruzzo, Molise, Irpinia e Basilicata, con qualche residua e debole nevicata nella prima parte della giornata  oltre i 700-800 metri.  Qualche fiocco di neve anche lungo le Alpi di confine tra Val d’Aosta e Alto Adige: qui in serata giungeranno nevicate più consistenti. Nel resto d’Italia tempo in prevalenza soleggiato, con qualche velatura di passaggio al Nord e locali annuvolamenti sulla Sardegna occidentale.

Temperature minime in aumento al Nord, al Sud e in Sicilia, con valori comunque vicini allo zero nelle regioni settentrionali. Massime in calo sul medio Adriatico, al Sud, in Sicilia e sulle aree alpine; in rialzo nel resto del Nord e sulla Toscana.
Venti settentrionali soffieranno da tesi a molto forti al Centro-Sud e sulla Liguria, con raffiche di burrasca (oltre gli 80-90 km/h) al Sud, sulla Sicilia e intorno alla Sardegna; venti forti da nord nelle Alpi, nelle vallate alpine, con raffiche di Föhn fino in pianura sulla Lombardia occidentale. Mari: calmo o poco mossi l’alto Adriatico e, sotto costa, il Ligure; mossi o molto mossi i restanti bacini, fino ad agitati quelli meridionali, anche molto agitati il mare di Sardegna e i Canali delle Isole.

Le notizie di IconaClima:

Transizione ecologica e digitale: nasce in Italia il Liceo TED. L’obiettivo

Perdite da un oleodotto in Thailandia: 50 mila litri di petrolio in mare. È disastro ambientale

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie