EsteroGhiacciNotizie MondoTemperature

L’Artico continua a riscaldarsi a una velocità doppia: il report del 2021

La temperatura media dell'aria superficiale sull'Artico nell'ultimo anno è stata la settima più calda mai registrata

L’Artico continua a riscaldarsi a una velocità doppia rispetto al resto del mondo. Per documentare i numerosi modi in cui il cambiamento climatico continua ad alterare radicalmente questa regione un tempo congelata in modo affidabile, la NOAA ha redatto la Report Card dell’Artico 2021. Uno strumento che “continua a mostrare come gli impatti dei cambiamenti climatici causati dall’uomo stiano spingendo la regione artica in uno stato drammaticamente diverso rispetto a pochi decenni fa“, ha affermato l’amministratore della NOAA Rick Spinrad. “Le tendenze sono allarmanti e innegabili. Affrontiamo un momento decisivo. Dobbiamo agire per affrontare la crisi climatica”.

Artico, nuovo record di temperatura: +38°C in Siberia nel giugno 2020

Artico, report 2021: il periodo ottobre-dicembre 2020 è stato l’autunno più caldo mai registrato a partire dal 1900

La Report Card dell’Artico 2021 ha messo in evidenza alcuni risultati significativi. Per esempio, la temperatura media dell’aria superficiale sull’Artico nell’ultimo anno (ottobre 2020-settembre 2021) è stata la settima più calda mai registrata. Questo è l’ottavo anno consecutivo dal 2014 in cui le temperature dell’aria superficiale sono state almeno 1°C al di sopra della media a lungo termine. Il periodo senza neve in tutto l’Artico eurasiatico durante l’estate 2020 è stato il più lungo almeno dal 1990. Il manto nevoso di giugno 2021 nell’Artico del Nord America è stato al di sotto della media a lungo termine per il 15° anno consecutivo. Il manto nevoso di giugno nell’Europa artica è stato al di sotto della media 14 volte negli ultimi 15 anni.

Artico
L’anno 2020 nell’Artico ha visto la settima temperatura dell’aria più calda nel record strumentale. L’immagine in alto mostra l’allontanamento dalla temperatura media in tutto l’Artico nel 2020, con colori più rossi che mostrano aree di maggiore calore. La metà inferiore di questo grafico mostra come la temperatura dell’aria artica sia variata rispetto a quella globale dal 1900. (Climate.gov)

Come sta cambiando l’Artico: nel 2021 è stata osservata una produttività di mezza estate eccezionalmente alta in tutta la tundra

Il report della NOAA sottolinea come i satelliti forniscano prove inequivocabili di un diffuso inverdimento della tundra, ma anche di una maggiore frequenza di eventi estremi e di altri fattori di “imbrunimento” su scala locale, evidenziando l’interruzione regionale come una componente crescente del cambiamento dell’Artico. I castori stanno colonizzando la tundra artica dell’Alaska occidentale, trasformando gli ecosistemi della tundra di pianura e degradando il permafrost con un aumento della quantità di acqua superficiale non ghiacciata sul paesaggio in inverno.

Ciclo idrologico dell’Artico: nel 2020, lo scarico combinato degli otto maggiori fiumi artici è stato del 12% circa superiore alla media

Le osservazioni a lungo termine per gli scarichi dei fiumi eurasiatici e artici nordamericani dimostrano una tendenza al rialzo, fornendo prove dell’intensificazione del ciclo idrologico dell’Artico. Nel 2020, lo scarico combinato degli otto maggiori fiumi artici è stato del 12% circa superiore alla media nel periodo di riferimento 1981-2010. Il ritiro dei ghiacciai e lo scioglimento del permafrost stanno causando rischi su scala locale o regionale che minacciano vite e mezzi di sussistenza, infrastrutture, sviluppo sostenibile e sicurezza nazionale

La calotta glaciale della Groenlandia ha subito tre episodi di scioglimento estremo a fine luglio e agosto

Dopo decenni di relativa stabilità, la calotta glaciale della Groenlandia ha perso massa quasi ogni anno dal 1998, con una perdita di ghiaccio record nel 2012 e nel 2019. Nel 2021 ha subito tre episodi di scioglimento estremo a fine luglio e agosto. Sempre ad agosto, per la prima volta in assoluto, si sono verificate piogge sulla sommità della calotta glaciale della Groenlandia, a circa 3.200 metri di altezza.

Ghiaccio marino, il suo declino dal 1979 è uno dei principali indicatori della crisi climatica

Il volume di ghiaccio marino post-inverno nell’Oceano Artico nell’aprile 2021 è stato il più basso dall’inizio delle registrazioni nel 2010. La quantità di ghiaccio marino pluriennale più vecchio e biologicamente importante alla fine dell’estate 2021 era la seconda più bassa dall’inizio delle registrazioni nel 1985. L’estensione totale del ghiaccio marino a settembre 2021 è stata la dodicesima più bassa mai registrata. Tutti i 15 estremi minimi più bassi si sono verificati negli ultimi 15 anni. Il sostanziale declino dell’estensione del ghiaccio artico dal 1979 è uno degli indicatori più iconici del cambiamento climatico.

La perdita di ghiaccio marino ha inoltre consentito alla navigazione e ad altre attività commerciali e industriali di spingersi più in profondità nell’Artico:

  • Durante il 2020, la regione dello Stretto di Bering in Alaska ha subito un evento di detriti marini che ha portato a terra rifiuti diversi dai tipi e dalle quantità tipicamente osservati, per lo più associati al traffico di navi straniere attraverso la regione.
  • Il traffico marittimo artico tra l’Oceano Pacifico e l’Oceano Atlantico continua ad aumentare e, con esso, aumentano i livelli di rumore marino ambientale nelle bande di frequenza utilizzate dai mammiferi marini.

L’Oceano Artico si sta acidificando più velocemente dell’oceano globale, ma con un’elevata variabilità spaziale. Un numero crescente di ricerche indica che l’acidificazione nell’Oceano Artico potrebbe avere implicazioni per l’ecosistema artico, comprese le influenze su alghe, zooplancton e pesci.

Leggi anche:

Stati Uniti, il 2021 è il quarto anno più caldo e il secondo per numero di eventi meteo estremi

Australia: piogge ALLUVIONALI per il ciclone Tiffany

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie