ClimaEsteroNotizie MondoTemperature

Artico, nuovo record di temperatura: +38°C in Siberia nel giugno 2020

L'Organizzazione meteorologica mondiale ha riconosciuto ufficialmente il nuovo record di temperatura per l'Artico: analisi in corso sui 48.8°C raggiunti a Siracusa la scorsa estate

La crisi climatica sta facendo sentire i suoi effetti in maniera sempre più evidente, come testimonia l’ennesimo record di temperatura nell’Artico. Il 20 giugno del 2020, infatti, nella città russa di Verkhoyansk si è verificata una temperature di 38°C, riconosciuta ufficialmente dall’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) come un nuovo record di temperatura artica. Il valore, certamente tipico più del Mediterraneo che dell’Artico, è stato misurato in una stazione di osservazione meteorologica durante un’eccezionale ondata di caldo siberiano

Temperature estreme: secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale niente di tutto ciò sarebbe possibile senza la crisi climatica

I 38°C registrati a Verkhoyansk si sono dunque verificati durante l’ultima eccezionale ondata di caldo siberiano, con temperature che hanno raggiunto i 10°C al di sopra della norma per grande parte della stagione alimentando incendi devastanti, massiccia perdita di ghiaccio marino e giocando un ruolo assolutamente centrale nel 2020, uno dei tre anni più caldi mai registrati.

Stato del Clima, 2020 anno nero: gas serra mai così elevati e caldo protagonista

 

“Questo nuovo record dell’Artico fa parte di una serie di osservazioni riportate all’Archivio WMO di condizioni meteorologiche e climatiche estreme che suonano i campanelli d’allarme sul nostro clima che cambia. Nel 2020 c’è stato anche un nuovo record di temperatura (18,3°C) per il continente antartico“, ha affermato il segretario generale dell’OMM, il prof. Petteri Taalas.

Inoltre, fa sapere Taalas, l’archivio del WMO sta attualmente cercando di verificare la temperatura di 54,4°C registratasi nel luogo più caldo del mondo, la Death Valley in California, sia nel 2020 che nel 2021 e di convalidare un nuovo record di temperatura europeo con i 48,8°C raggiunti a Siracusa la scorsa estate. “L’Archivio WMO di condizioni meteorologiche e climatiche estreme non ha mai avuto così tante indagini simultanee in corso”, ha aggiunto. 

L’Artico si sta riscaldando più del doppio della media globale

Verkhoyansk si trova a circa 115 chilometri a nord del Circolo Polare Artico e la stazione meteorologica osserva le temperature dal 1885. Si trova nella parte settentrionale della Repubblica di Sakha (Yakutia), in una regione della Siberia orientale che presenta un inverno molto freddo ed un’estate calda. La temperatura estrema e il cambiamento climatico in corso hanno spinto un gruppo di esperti dell’OMM ad aggiungere una nuova categoria climatica dove sono rappresentate entrambe le regioni polari.

“Fondamentalmente, questa indagine mette in evidenza l’aumento delle temperature che si verificano per una regione climaticamente importante del mondo. Attraverso il monitoraggio e la valutazione continui delle temperature estreme, possiamo rimanere informati sui cambiamenti che si verificano in questa regione critica del mondo, l’Artico polare”, ha affermato il professor Randall Cerveny, relatore di condizioni climatiche e meteorologiche estreme per WMO. Trattandosi di una nuova categoria, il WMO ha analizzando in maniera dettagliata i 38°C di Verkhoyansk, concludendo che mai in nessuna regione artica si era verificata una temperatura così alta.

Leggi anche:

Antartide: un laboratorio naturale unico per lo studio della storia antica del clima

Transizione ecologica in Italia, a che punto siamo? I dati dell’Ispra

Inquinamento: riducendo le polveri sottili, 178mila morti in meno in Europa

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie