Previsioni

Pioggia intensa in arrivo, rischio criticità: tempistiche e zone coinvolte

Dopo un ottobre di caldo record, il mese di novembre si apre con i primi segnali di cambiamento dello scenario meteo. Nei primi giorni arriverà qualche pioggia in particolare al Nord, mentre il Centro-Sud resterà sotto il dominio dell’anticiclone africano. Per una svolta più decisa bisognerà aspettare la seconda parte della settimana, quando un intenso sistema perturbato attraverserà l’Italia.

Il suo transito sarà accompagnato da molte piogge, localmente intense, insieme a venti forti e all’afflusso di aria fredda che entro sabato farà precipitare le temperature in tutto il Paese, riportandole su valori più in linea con questo periodo dell’anno.
La perturbazione rischia di creare situazioni di criticità nelle zone più colpite, avvertono i meteorologi: la sua intensità sarà accentuata dalle temperature eccezionalmente elevate di questo periodo e da una superficie del Mediterraneo molto più calda del normale, che saranno decisive nell’accrescere l’energia in gioco durante il passaggio perturbato.
D’altra parte, la perturbazione avrà anche il merito di spazzare via la massa d’aria eccezionalmente calda che ha finora soffocato il Paese, portando piogge estremamente preziose e aiutando a ripulire l’aria dalle sostanze inquinanti che si sono accumulate durante la lunga fase di stabilità atmosferica.

Si profila tuttavia una parentesi autunnale decisamente breve, per quanto intensa. Il sistema perturbato si allontanerà gradualmente dall’Italia tra domenica e lunedì, e alle sue spalle si profila già una nuova rimonta anticiclonica che probabilmente darà il via a una (ennesima) fase stabile e mite. Seguite i prossimi aggiornamenti per conoscere maggiori dettagli su questa previsione.

Le previsioni meteo nei dettagli

Mercoledì 2 novembre, giorno dei morti, le nuvole avranno la meglio al Nord e sulla Toscana; al mattino qualche debole pioggia isolata possibile su Levante Ligure, Toscana nord-occidentale, Emilia, Lombardia sud-orientale e Veneto occidentale; nel pomeriggio e anche in serata qualche sporadica e debole pioggia sarà più probabile su Liguria di levante, Toscana, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Nuvolosità irregolare con un cielo parzialmente nuvoloso in Umbria, Lazio e Marche; tempo prevalentemente soleggiato nel resto del Centro-Sud e sulle Isole maggiori.
Temperature massime stazionarie o al più in lieve calo, sempre miti e superiori alle medie stagionali; massime pomeridiane per lo più tra 16 e punte di 19-20 gradi al Nord, tra 19 e 23 gradi al Centro, tra 22 e punte di 25-26 gradi al Sud, Sicilia e Sardegna. Venti ovunque di debole intensità. Mari calmi o poco mossi.

Giovedì 3 novembre il tempo sarà per lo più soleggiato con modesti annuvolamenti per buona parte della giornata su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Isole maggiori. Molte nubi nel resto del Paese con qualche debole e isolata pioggia al mattino su alta pianura padano-veneta, Friuli Venezia Giulia, zone prealpine, Liguria centro-orientale, alta Toscana e Lazio. Nel pomeriggio precipitazioni sparse anche nel resto del Nord-Ovest e in Campania.

Tra il tardo pomeriggio e la sera deciso peggioramento nelle regioni nord-occidentali con piogge in intensificazione, anche a carattere di rovescio o temporale in Liguria e alta Toscana, e in estensione nella notte anche al resto del Nord, regioni centrali tirreniche e Sardegna; possibili fenomeni di forte intensità in serata con successivo abbassamento della quota neve sulle Alpi occidentali. In arrivo anche nevicate abbondanti sulle Alpi, anche se a quote medio alte (fino a circa 1.500 metri).

Temperature ancora in gran parte sopra la media, ma in lieve diminuzione eccetto in Sardegna; massime pomeridiane per lo più comprese tra 15 e 19 gradi al Nord, tra 19 e 22 gradi al Centro e tra 21 e 25 gradi al Sud e sulle Isole.
Venti ovunque deboli con qualche rinforzo da sud sui mari occidentali; a fine giornata decisa intensificazione della ventilazione al Centro-Nord e sui settori occidentali.
Mari in prevalenza calmi o poco mossi; a fine giornata aumento del moto ondoso sui mari di ponente.

Controlla qui le previsioni meteo per il tuo comune

Le notizie di IconaClima:

2022 finora l’anno più caldo e secco mai registrato: manca più acqua di quella del lago di Garda

Gli effetti della crisi climatica sul patrimonio artistico culturale italiano

Caldo di ottobre 2022: la crisi climatica rende queste temperature 5 volte più probabili

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie