Notizie MondoTemperatureTerritorio

Le piante si stanno «riprogrammando» per rispondere ai cambiamenti climatici, con conseguenze che riguardano anche noi

A causa dei cambiamenti climatici, negli ultimi anni le piante sono diventate più piccole, più basse, più resistenti alla siccità e meno produttive

I cambiamenti climatici influiscono anche sulla forma delle piante e dei loro frutti, che negli ultimi anni ha subito modifiche notevoli. È quanto emerge da una ricerca dell’Università del Minnesota e della Western University in Ontario, Canada, pubblicata di recente sulla rivista Global Change Biology.

Sotto accusa in particolare la minore presenza di acqua nell’atmosfera (nello specifico, i ricercatori hanno analizzato il deficit di pressione del vapore, ovvero la differenza tra la quantità di umidità nell’aria e la quantità di umidità che l’aria può trattenere quando è satura), conseguenza proprio dei cambiamenti climatici, che è stata registrata in tutto il mondo fin dai primi anni Duemila. Negli ultimi anni questo fenomeno ha fatto osservare un ulteriore aumento, e secondo i ricercatori nei prossimi decenni continuerà a crescere, di pari passo con l’intensificarsi dei cambiamenti climatici.

L’effetto sulle piante è già ben evidente, anche quando sono coltivate e ben irrigate: «si stanno “riprogrammando”», spiegano i ricercatori dell’Università del Minnesota, diventando più piccole, più basse e più resistenti alla siccità.
Le conseguenze coinvolgono anche noi: gli agricoltori devono utilizzare quantità maggiori di acqua, la produttività delle piante diminuisce, e cala anche la quantità di CO2 che assorbono per la fotosintesi.
Walid Sadok, che insegna nell’Università statunitense e ha partecipato allo studio, ha avvertito che questo fenomeno, «determinato dai cambiamenti climatici, ridurrà la produttività delle piante e i raccolti, sia in Minnesota sia a livello globale». «In un momento in cui il mondo deve aumentare la produzione per la sopravvivenza di una popolazione sempre più numerosa, questo è un nuovo ostacolo», ha aggiunto.

cambiamenti climatici e piante
Crediti: Maria H Park via University of Minnesota

Danielle Way, fisiologa delle piante e coautrice dello studio presso la Western University, ha sottolineato che la scoperta può essere «sfruttata per prevedere come gli ecosistemi naturali risponderanno ai cambiamenti climatici e gestirli in modo che aumentino la loro resistenza». Secondo i ricercatori, i dati potranno essere utilizzati anche per progettare nuove varietà di colture che si rivelino più resistenti.

Leggi anche:

I cambiamenti climatici stanno contribuendo all’aumento della fame

Beppe Sala aderirà ai Verdi europei, già nel 2019 creò assessorato transizione ambientale per Milano

Da economista di professione ad attivista per il clima: tutti i perché di Riccardo Antoniol

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere moderne per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert, allora conosciuto come Centro Epson Meteo: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore.

Articoli correlati

Back to top button