InquinamentoSostenibilità

Auto elettriche, le catene di approvvigionamento di batterie e minerali ruotano intorno alla Cina

Per abbattere le emissioni derivanti dai trasporti, il mondo sta abbracciando sempre di più la mobilità elettrica, ma ad oggi le catene di approvvigionamento dei materiali per le batterie delle auto elettriche sono in mano alla Cina.

Nel 2021 le vendite di auto e veicoli elettrici hanno battuto nuovi record. Le vendite in Europa hanno continuato a crescere in modo robusto (fino al +65% e 2,3 milioni) dopo il boom del 2020.

Lo scorso giugno il consiglio dei ministri dell’Ambiente dei Paesi Ue ha deciso, tra le altre cose, la riduzione delle emissioni di CO2 del 100% entro il 2035 per le auto e i furgoni nuovi.

La spesa pubblica e privata per i veicoli elettrici è raddoppiata rispetto al 2020, e rispetto al 2015 esistono 5 volte più modelli elettrici nelle case automobilistiche, che prevedono di accelerare ulteriormente l’elettrificazione delle loro flotte.

La Cina deterrà la maggior parte delle catene di approvvigionamento per le batterie delle auto elettriche fino al 2030

Il valore dei veicoli elettrici dipende per il 30-40% dalle batterie e, così come avviene per la fabbricazione di impianti rinnovabili, sarà importante assicurarci l’approvvigionamento dei minerali e dei metalli critici.

Attualmente, come spiega l’ultimo report dell’IEA, le catene di approvvigionamento di batterie e minerali ruotano intorno alla Cina. La Cina produce tre quarti di tutte le batterie agli ioni di litio ed qui si trova il 70% della capacità produttiva per i catodi e all’85% per gli anodi, entrambi componenti chiave delle batterie. Oltre la metà di litio, cobalto e della capacità di lavorazione e raffinazione della grafite si trova in Cina. L’assemblaggio di veicoli elettrici avviene per un quarto in Europa, mentre scende al 10% negli Stati Uniti.

La maggior parte dei minerali chiave per la produzione di batterie destinate alle auto elettriche viene estratta in paesi ricchi di risorse come Australia, Cile e Repubblica Democratica del Congo, e gestiti da alcune grandi aziende.

batterie auto elettriche

Governi in Europa e negli Stati Uniti hanno avviato iniziative audaci per sviluppare catene di approvvigionamento per le batterie, ma è probabile che la maggior parte della catena di approvvigionamento rimanga cinese fino al 2030. Ad esempio, il 70% della produzione di batterie della capacità annunciata fino al 2030 è della Cina.

La domanda di batterie per veicoli elettrici aumenterà dai circa 340 GWh di oggi a oltre 3500 GWh entro il 2030, stando agli impegni presi finora.

Per questo motivo, è necessario che i governi riescano a sfruttare investimenti privati per l’estrazione sostenibile
e garantire procedure di autorizzazione chiare e rapide per evitare potenziali colli di bottiglia nella fornitura di materiali chiave. Bisogna puntare sull’innovazione e sull’uso di processi chimici alternativi che richiedono quantità minori di minerali critici, così come il riciclo delle batterie.

Bisognerebbe focalizzarsi anche su un ridimensionamento delle auto, per ridurre la domanda di metalli critici. La cooperazione tra Paesi produttori e consumatori dovrebbe essere rafforzata per facilitare gli investimenti, promuovere l’ambiente e le pratiche socialmente sostenibili, incoraggiando anche una condivisione di conoscenza. I governi dovrebbero garantire la tracciabilità dei principali veicoli elettrici componenti e monitorare i progressi di ambiziosi ambientali e obiettivi di sviluppo sociale in ogni fase della catena di fornitura di batterie e veicoli elettrici.

Leggi anche:

Finlandia, nasce la prima “batteria di sabbia” commerciale: come funziona

Metano, è allarme rosso: abbiamo sottostimato l’effetto domino della crisi climatica

Assicurazioni e cambiamento climatico: l’importanza del network fra scienza e mercato assicurativo

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie