EsteroInquinamentoNotizie Mondo

Pakistan, allarme smog come in India: Lahore città più inquinata

E' stato stimato che in media i pakistani perdono 2 anni della loro vita a causa dell'inquinamento atmosferico. Intanto chiudono scuole e uffici privati

Allarme smog in Pakistan, dove lunedì prossimo rimarranno chiusi uffici privati e scuole. La città più inquinata è Lahore, secondo centro più grande del Pakistan. L’indice di qualità dell’aria nella città che conta circa 12 milioni di persone è stato classificato a 348, molto al di sopra del livello pericoloso di 300, secondo IQAir, la società tecnologica svizzera che gestisce la piattaforma di monitoraggio AirVisual. Da allora, Lahore è stata superata da Delhi, in India, con un indice di qualità dell’aria che si è classificato a 422.

Contrappasso India: dopo il no sul carbone alla COP, Delhi soffoca per lo smog

Il Pakistan testimone del peggior inquinamento atmosferico degli ultimi anni: i residenti perdono in media due anni di vita

Il Pakistan negli ultimi anni è stato testimone del peggior inquinamento atmosferico, da Karachi a Lahore, poiché una miscela di fumi diesel di bassa qualità, provenienti dalle colture stagionali bruciate, si fondono in nuvole stagnanti di smog a temperature invernali più fredde. I residenti lamentano sempre di più carenze respiratorie, problemi ai polmoni, alla gola e irritazione agli occhi, tutti sintomi riconducibili all’inalazione di sostanze tossiche. È stato stimato che in media i pakistani perdono 2 anni di vita a causa dell’elevato inquinamento atmosferico. Nella città di Lahore il residente medio perde 5,3 anni della propria vita, secondo i dati dell’Energy Policy Institute dell’Università di Chicago.

COP26, nonostante i passi in avanti siamo ancora lontani da un futuro ad emissioni zero

Proprio nella città di Lahore le autorità hanno disposto la chiusura di uffici privati e scuole, nella speranza che tre giorni di semi chiusura aiutino a ridurre in maniera significativa i livelli di smog. La direttiva, emessa dal commissario per i soccorsi del Punjab Babar Hayat Tarar, mira ad agire “come rimedio preventivo e rapido” durante la stagione invernale dello smog e durerà fino al 15 gennaio. Intanto i cittadini della seconda città più grande del Pakistan continuano a presentare petizioni ai tribunali contro il governo, affinché possa agire contro lo smog.

Il governo pakistano chiede collaborazione all’India: «Senza unire le forze non possiamo affrontare il problema»

Malik Amin Aslam, consigliere per il cambiamento climatico del primo ministro, Imran Khan, ha affermato che il governo sta lavorando alle raccomandazioni del comitato per l’azione contro lo smog: “Stiamo facendo tutto il possibile”, ha detto. Aslam ha inoltre affermato che senza sforzi regionali tra India e Pakistan il problema dello smog non può essere affrontato, poiché i raccolti vengono bruciati dall’altra parte del confine. “Abbiamo presentato questa richiesta di dialogo tra i paesi regionali durante la Cop26. Speriamo che si realizzi”, ha concluso.

Leggi anche:

Germania, c’è l’accordo per il governo “semaforo”: il clima in cima all’agenda

Via libera alla nuova politica agricola europea: cosa prevede e perché è importante

Salpata la prima nave cargo a emissioni zero: è elettrica e a guida autonoma

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie