EsteroNotizie Mondo

Termina la stagione degli uragani 2021: è tra le più intense di sempre. Il bilancio

È stata la terza in assoluto per numero di tempeste tropicali

Il 30 novembre si è ufficialmente conclusa la stagione degli uragani in Atlantico. Per convenzione la stagione va dal 1 giugno al 30 novembre di ogni anno. Non è raro però che si registrino delle tempeste tropicali o addirittura degli uragani anche al di fuori di questo periodo: quest’anno, per esempio, la prima tempesta tropicale, denominata Ana, si è formata al largo di Bermuda il 22 maggio.

Si è trattato del settimo anno consecutivo in cui una depressione si è trasformata in tempesta tropicale anticipando l’inizio ufficiale della stagione degli uragani. Anche questa recente tendenza è spiegata dagli scienziati come una conseguenza dei cambiamenti climatici in atto.

Stagione uragani 2021: una delle più attive di sempre

Nel mese di giugno è stato uguagliato un altro record, con 3 tempeste tropicali. Statisticamente infatti i mesi in cui si verificano il maggior numero di tempeste tropicali e la quasi totalità degli uragani, sono agosto, settembre e ottobre.

A conferma che quella appena conclusa sia stata una delle stagioni più attive già nelle prime fasi, vale la pena di ricordare che l’uragano Elsa, formatosi il 1 luglio, fu in grado di provocare almeno 5 vittime. Si sono contati danni per oltre un miliardo di dollari lungo il suo percorso, che dalle Antille attraversava il Golfo del Messico e gran parte della costa orientale degli USA, fino al Massachusettes.

Il numero totale di tempeste tropicali della stagione in esame, 21, ha esaurito l’elenco di nomi stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Meteorologia (WMO). Si è trattato infatti di una stagione molto attiva, la terza in assoluto per numero di tempeste tropicali (dopo quelle del 2005 e del 2020, rispettivamente con 27 e 30 tempeste), e quindi la seconda di fila che ha visto l’utilizzo di tutti i nomi a disposizione.

Delle 21 tempeste tropicali (caratterizzate da vento medio superiore a 34 nodi / 63 km/h), 7 sono diventate uragano (con venti oltre 64 nodi / 119 km/h), di cui quattro di categoria 3 o superiore (definiti major hurricanes, con venti oltre 96 nodi / 178 km/h).

Stagione 2021: i fattori che hanno determinato la sua intensità

L’analisi degli esperti statunitensi della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) attribuisce l’intensa attività degli ultimi anni principalmente ad alcuni fattori, uno dei quali viene citato spesso quando si analizza l’aumento in frequenza e intensità degli eventi meteo-climatici, cioè il riscaldamento globale.

Nel recente rapporto dell’IPCC dell’agosto 2021 infatti si ipotizza, con elevato livello di confidenza, la tendenza verso una maggiore probabilità che i cicloni tropicali riescano ad intensificarsi fino a raggiungere le categorie 4 e 5, quelle con venti e precipitazioni più intensi e in grado di creare più danni e rischi per le popolazioni.

Gli altri fattori che hanno contribuito a determinare una stagione degli uragani più attiva della media, sono delle anomalie climatiche identificate nel corso del 2021 e descritte nei report periodici dell’andamenti climatico globale pubblicati dal National Center for Environmental Information; si tratta del fenomeno di La Niña, che ha caratterizzato la prima parte del 2021. La costante anomalia positiva della temperatura superficiale dell’Oceano Atlantico nel corso dei mesi primaverili ed estivi; le piogge superiori alla media del monsone dell’Africa occidentale.

Flavio Galbiati

Flavio Galbiati è un meteorologo che ha iniziato la sua attività presso Meteo Expert nel 1999. Si è Laureato in Fisica, con indirizzo in Fisica dell'Ambiente-Atmosfera, all'Università degli Studi di Milano. Ha ottenuto l’Attestato di Competenza come Meteorologo Aeronautico in conformità alle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Meteorologia (WMO) e il Certificato di competenza come Meteorologo rilasciato da Dekra in conformità alle raccomandazioni WMO. Dal 2002 al 2015 ha condotto le rubriche meteo televisive all'interno dei notiziari delle reti Mediaset (TG5, Tg4, Studio Aperto e TGCom24).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie