ClimaMeteoTerritorioTerritorio

Siccità, Italia a rischio emergenza: finora a febbraio è arrivato un quarto della pioggia. I dati

Siccità record nel mese di febbraio, ma tutta la stagione invernale appare destinata a passare alla storia come una delle più secche

L’inverno e il mese di febbraio non sono ancora terminati ma la situazione, per quanto riguarda la siccità, appare già davvero critica. Il meteorologo Simone Abelli di Meteo Expert ha analizzato i dati preliminari e dal suo lavoro è emerso che finora, nel mese di febbraio, l’Italia è stata raggiunta solo dal 25 per cento della pioggia tipica di questo mese. Con una spaventosa anomalia del -75% questo febbraio sembra destinato a entrare nella storia come il più secco dall’inizio delle rilevazioni, ovvero almeno degli ultimi 60 anni.

A spiccare per la grave siccità è tutto l’inverno 2019-2020, sottolinea Abelli: «l’anomalia delle precipitazioni ammonta finora al -31%, e colloca questa stagione al quinto posto tra gli inverni più secchi».

L’analisi del meteorologo rivela che, mentre la prima parte di dicembre è stata piuttosto piovosa, dal 22 dicembre l’Italia non è più stata interessata da precipitazioni rilevanti: un periodo siccitoso davvero lunghissimo, che prosegue tutt’ora e che, secondo le previsioni degli esperti, non è destinato a finire a breve.

Suscitano la preoccupazione degli scienziati anche le notizie che riguardano le temperature: anche se per i dati definitivi dovremo aspettare la fine della stagione, infatti, dai valori che sono stati registrati finora nel mese di febbraio e durante l’inverno emerge che sia la stagione invernale che il mese di febbraio risulteranno tra i più caldi dall’inizio delle rilevazioni.

Leggi anche:

Tags

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati