Territorio

Foreste vergini: nel 2019 è andata persa un’area grande come la Svizzera

E il 2020 non promette bene: anche il Coronavirus potrà rappresentare una grave minaccia per le foreste di tutto il mondo

Nel 2019 abbiamo perso immense aree ricoperte di alberi, ma particolarmente preoccupanti risultano i dati relativi alle cosiddette “foreste vergini”. Si tratta delle foreste tropicali primarie, le più importanti per salvaguardare la biodiversità e assorbire l’anidride carbonica che emettiamo nell’atmosfera.

Nello specifico, nel corso del 2019 sono andati perduti 3,8 milioni di ettari di foreste vergini (quasi il 3% del totale): si tratta di una superficie che equivale quasi a quella della Svizzera. In tutto, lo scorso anno i tropici hanno perso 11,9 milioni di ettari di copertura arborea.

Secondo i dati, registrati dall’Università del Maryland e pubblicati su Global Forest Watch, il 2019 conquista così il podio tra gli anni in cui sono andate distrutte le aree maggiori di foreste vergini: al primo e al secondo posto ci sono il 2016 e il 2017. Il Paese più colpito è il Brasile, che da solo ha rappresentato oltre un terzo di tutte le perdite di foreste primarie registrate nel mondo.

perdita foreste vergini
La top 10 dei Paesi in cui la perdita di foreste primarie è stata più grave. Fonte: World Resources Institute

Dall’istituto di ricerca ambientale World Resources Institute arriva l’avvertimento degli scienziati: le conseguenze di perdite così gravi sono molto serie. Si stima infatti che alla perdita di foresta primaria registrata nel 2019 equivalgano almeno 1,8 gigatonnellate di emissioni di anidride carbonica. Danni estremamente seri derivano inoltre dalla perdita di biodiversità e dalla distruzione di habitat naturali.

Alcuni Paesi si stanno impegnando con successo a frenare la perdita di foreste, ma i dati registrati nel 2019 sono un campanello d’allarme – l’ennesimo – che non è possibile ignorare. La maggior parte dei Paesi e delle aziende non saranno in grado di rispettare gli impegni assunti per il 2020, affermano gli scienziati, e anche per quest’anno la perdita si preannuncia gravissima.

perdita foreste vergini
Unsplash/Jonathan Larson

A peggiorare una situazione già tragica, il Coronavirus rappresenta una minaccia ulteriore per le foreste nel mondo. Anche se nel breve termine si osserverà un calo della deforestazione, la spinta per la ripresa rischia infatti di comportare una perdita di foresta ancora maggiore, con i Paesi che saranno disposti a venire meno agli impegni ambientali pur di favorire a tutti i costi la crescita economica. Si tratta di una strategia miope, ribadiscono gli scienziati: sacrificare le foreste alla ricerca della ripresa economica porterà solo a nuove complicazioni e a nuovi rischi per la salute e il sostentamento di milioni di persone in tutto il mondo. Investire per ripristinare le foreste e gestirle in modo sano, invece, può creare molti nuovi posti di lavoro, contribuire alla crescita di un’economia più sostenibile e proteggere gli ecosistemi di cui il mondo ha bisogno, e con lui gli esseri umani.

Leggi anche:

Natura e salute al centro per la Giornata dell’Ambiente: «la natura ci sta inviando un messaggio»

Disastro ambientale in Siberia, non è il primo episodio noto [VIDEO]

Clima, maggio 2020 è stato il più caldo mai registrato: i dati

Tags

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati