Clima

2020 anno caldo: per Francia, Germania e Regno Unito è sul podio dei più roventi

E' stato un anno particolarmente caldo in molti Paesi d'Europa. Negli ultimi anni continuano a registrarsi anomalie eccezionali per serie storiche risalenti alla fine del 1800

Il 2020 è stato un anno caldo in molti Paesi d’Europa: per l’Italia è entrato nella Top 5 dei più caldi, ma oltralpe è salito addirittura sul podio. In particolare per il Regno Unito, secondo le analisi del MetOffice, l’anno appena concluso è stato il terzo più caldo della serie storica che ha inizio nel 1884. Più caldi del 2020 per il Regno Unito sono stati solo il 2014 e il 2006. L’anomalia a livello nazionale è stata di 0.77°C, con picchi superiori nei settori sud-orientali dell’Inghilterra.

Per la Germania il 2020 è stato il secondo anno più caldo ma registrato dal 1881. Il Servizio meteorologico tedesco (DWD) ha analizzato i dati provenienti dalle stazioni meteo del Paese: a livello nazionale la temperatura si è mantenuta su una media di 10.4°C, 2.2 gradi più elevata rispetto alla norma del periodo 1961-1990 e 1.5 gradi più alta rispetto al periodo 1981-2010. Solo il 2018 è stato leggermente più caldo del 2020 (di soli 0.1°C).

Per la Francia, invece, il 2020 è stato a conti fatto l’anno più caldo in assoluto. La temperatura media a livello nazionale ha infatti raggiunto un valore di 14°C superando il record del 2018 (13.9°C). Si tratta dell’anomalia più elevata dall’inizio del 1900.

Si tratta di valori eccezionali, che confermano – seppur su scala nazionale – l’incidenza del riscaldamento globale. Gli ultimi anni, infatti, in molti Paesi europei, esattamente come sta avvenendo a livello planetario, sono i più caldi mai registrati. In Germania nove dei dieci anni più caldi si sono registrati nel 21° secolo; per il Regno Unito i 10 anni più roventi si sono verificati tra il 2002 e il 2020. Si tratta di dati nazionali che rispecchiano ciò che sta avvenendo a livello globale: la tendenza al riscaldamento globale è inequivocabile.

Leggi anche:

La NEVE arrivata finora è più ABBONDANTE del normale? I dati dall’Italia e dall’Europa

Grandine a Natale? In Italia gli effetti dei cambiamenti climatici: la spiegazione del meteorologo

La Neve in Italia tra gli anni ‘80 e ‘90

Silvia Turci

Ho conseguito una laurea specialistica in Comunicazione per l’Impresa, i media e le organizzazioni complesse all’Università Cattolica di Milano. Il mio percorso accademico si basa però sullo studio approfondito delle lingue straniere, nello specifico del francese, inglese e russo, culminato con una laurea triennale in Esperto linguistico d’Impresa. Sono arrivata a Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995) nel 2014 e da allora sono entrata in contatto con la meteorologia e le scienze del clima: una continua scoperta che mi ha fatto appassionare ogni giorno di più al mio lavoro.

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie