Clima

L’Uragano Lorenzo raggiungerà l’Europa?

Nessun uragano di categoria 5 si è mai formato prima d'ora così a est e così a nord sull'Atlantico

Lorenzo ha raggiunto la massima intensità possibile diventando un potentissimo uragano di categoria 5 entrando così nella storia: nessun uragano di categoria 5 si era mai formato così a nord e così a est sull’Oceano Atlantico. Raggiungerà l’Europa? Lorenzo, con tutta probabilità, non raggiungerà l’Europa come uragano ma, prima di impattare sull’Irlanda, verrà declassato a tempesta.

La traiettoria porta Lorenzo verso l’Europa

Secondo le proiezioni attuali, l’uragano Lorenzo non andrà verso ovest ma virerà verso nord-est, verso l’Europa settentrionale.

uragano lorenzo traiettoria
Fonte NOAA

Nelle prossime ore la sua intensità potrebbe già diminuire: entro martedì 1 ottobre gradualmente passerà da categoria 5 a categoria 3. Le Azzorre verranno probabilmente colpite dall’uragano (cat. 1 o 2) tra martedì e mercoledì.

Nei giorni successivi, durante il suo tragitto verso nord-est, perderà ancora potenza: Lorenzo diventerà una tempesta poco prima di raggiungere l’Europa. Lorenzo potrebbe raggiungere l’Irlanda giovedì 3 ottobre sotto forma di tempesta con venti che potrebbero arrivare a 110 km/h.

«Quasi tutti gli uragani – spiega il nostro meteorologo Daniele Izzoseguono un percorso che li porta verso ovest fino ai Caraibi, poi risalgono verso nord negli Stati Uniti e in seguito seguono le correnti che li spingono verso est, nel nord Atlantico. Durante la traversata si indeboliscono e arrivano soprattutto in qualità di perturbazioni extra-tropicali in nord Europa. Qualche volta mantengono una forza superiore e possono fare danni anche da noi».

«Lorenzo, invece di dirigersi verso ovest, ha già iniziato a deviare la sua traiettoria verso nord e, in seguito, dovrebbe dirigersi vero est. La sua deviazione però sta avvenendo molto presto rispetto al punto in cui è nato e ciò lo rende interessante». «Se anche dovesse mantenere le caratteristiche di tempesta tropicale sarebbe comunque un evento eccezionale», conclude.

Uragani e tempeste in Europa: una rarità

L’arrivo di tempeste su suolo europeo è piuttosto raro, ma nel passato è già successo che alcuni uragani, dopo essersi formati sull’Atlantico, minacciassero l’Europa: solo una volta, però, il nostro continente è stato effettivamente raggiunto da un uragano. Era il 1961, e l’uragano in questione era Debbie che ha fatto landfall in Irlanda, toccando terra nei settori occidentali dell’isola come uragano di categoria 1. In tutti gli altri casi gli uragani erano stati declassati a tempeste prima di riuscire a toccare terra sul nostro Continente.

L’uragano Lorenzo è un evento fuori statistica poiché è riuscito ad acquisire una categoria 5 su una parte del bacino atlantico molto orientale rispetto alla norma. Da notare che proprio in questa zona le anomalie della temperatura superficiale del mare sono positive: il 26 settembre la temperatura superficiale del mare era più calda di 1-2°C.

Perché un grado in più dovrebbe essere influente? C’è una relazione termodinamica, l’equazione di Clausius-Clapeyron, che lega temperatura ed umidità atmosferica: per ogni mezzo grado in più abbiamo un aumento di circa il 3% del contenuto medio di umidità atmosferica. E l’umidità può essere considerata come il carburante di una perturbazione.

Tags

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati