Acqua - Water ObservatoryInquinamento

L’acqua in bottiglia consuma 3.500 volte le risorse naturali di quella di rubinetto

E nonostante l'alta qualità della nostra acqua potabile l'Italia è tra i primi paesi al mondo per il consumo di acqua minerale in bottiglia

L’Istituto di Barcellona per la Salute globale (ISGlobal) ha analizzato l’impatto dell’acqua in bottiglia confrontandola con quella del rubinetto.

Negli ultimi anni, il consumo di acqua in bottiglia ha fatto registrare un aumento significativo su scala globale. Secondo ricerche citate dallo studio questa crescita non è legata solo a fattori oggettivi, come l’impossibilità di utilizzare l’acqua del rubinetto, ma anche a diversi fattori soggettivi, come la percezione del rischio, il gusto, l’odore, la mancanza di fiducia nella qualità dell’acqua del rubinetto pubblica e il marketing da parte delle aziende di acqua in bottiglia.

Era semplice immaginare le due opzioni avessero impatti ambientali decisamente diversi, ma i dati resi noti dai ricercatori sono piuttosto impressionanti: l’acqua in bottiglia consuma risorse naturali fino a 3500 volte di più rispetto a quella del rubinetto. 

Il team di ricerca ha preso in esame in particolare la situazione della città di Barcellona e ha stimato i danni agli ecosistemi e alla disponibilità di risorse, nonché gli impatti indiretti sulla salute umana derivanti dal processo di produzione dell’acqua in bottiglia e del rubinetto.

Unsplash/Nick Fewings

I risultati hanno mostrato che se l’intera popolazione di Barcellona decidesse di passare all’acqua in bottiglia, la produzione richiesta comporterebbe la perdita di 1,43 specie all’anno e un costo di 83,9 milioni di dollari all’anno a causa dell’utilizzo di materie prime. Si tratta di un impatto circa 1.400 volte maggiore sugli ecosistemi e di un costo di estrazione delle risorse 3.500 volte superiore rispetto allo scenario che ha presentato come sarebbe la situazione se l’intera popolazione della città passasse all’acqua del rubinetto.

“La qualità dell’acqua del rubinetto è aumentata notevolmente a Barcellona dall’introduzione di trattamenti avanzati negli ultimi anni. Tuttavia, questo notevole miglioramento non è stato rispecchiato da un aumento del consumo di acqua del rubinetto, il che suggerisce che il consumo di acqua potrebbe essere motivato da fattori soggettivi diversi dalla qualità”, afferma Cristina Villanueva, ricercatrice di ISGlobal e prima autrice dello studio.

“I nostri risultati mostrano che, considerando sia gli effetti ambientali che quelli sulla salute, l’acqua del rubinetto è un’opzione migliore rispetto all’acqua in bottiglia, perché l’acqua in bottiglia genera una gamma più ampia di impatti”, afferma Cathryn Tonne, ricercatrice di ISGlobal e autrice dello studio.

Italia tra i primi al mondo per il consumo di acqua in bottiglia, prima in Europa

Possiamo contare su una rete idrica nazionale di qualità molto elevata e l’Italia è al settimo posto in Europa per la qualità dell’acqua potabile. Eppure, siamo tra i più grandi consumatori al mondo di acqua minerale in bottiglia, e i primi in Europa, con 200 litri pro capite consumati ogni anno. La media europea è di 118 litri.

Può interessarti anche:

Oltre metà della plastica che avvelena il mondo arriva da solo 20 aziende

Secondo una ricerca dell’IUCN ogni anno finiscono nel Mediterraneo 229000 tonnellate di plastiche

Le ultime notizie:

Il nuovo rapporto IPCC è un “codice rosso” per l’umanità: l’emergenza climatica riguarda ogni regione del Pianeta

Quasi 10 mila litri di acqua per un paio di jeans: l’insostenibile impatto ambientale del tessile

Clima ed eventi estremi: per l’Italia un danno economico pari a 20,3 miliardi di euro

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie