PoliticheTerritorioVivere Green

La transizione ecologica passa anche per la diminuzione del consumo di carne. Il ministro Cingolani si schiera contro gli allevamenti intensivi

Hanno suscitato diverse polemiche le dichiarazioni del ministro per la Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, che di recente ha evidenziato le criticità legate ad agricoltura e allevamenti intensivi. Intervenendo alla conferenza preparatoria della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile, il ministro ha spiegato che la transizione ecologica passa anche per una riduzione del consumo di carne.

«L’agricoltura intensiva pone problemi» ha affermato Cingolani: «ci ha consentito di vivere più a lungo, ma ha comportato una notevole alterazione dell’ecosistema. La soluzione non è fermare il progresso, ma neppure fare quello che si vuole».
Un elevato consumo di carne ha ripercussioni serie anche sulla nostra salute, e anche questo dovrebbe indurci a «diminuire la quantità di proteine animali sostituendole con quelle vegetali», ha sottolineato il ministro.
Che si è poi soffermato sull’impatto che la produzione di carne ha sull’ambiente: «la proteina animale richiede sei volte l’acqua delle proteina vegetale, a parità di quantità, e allevamenti intensivi producono il 20 per cento della CO2 emessa a livello globale». Non dimentichiamo anche le conseguenze che gli allevamenti hanno sullo sfruttamento del terreno: buona parte della deforestazione, compresa quella che sta devastando l’Amazzonia, è legata proprio alla necessità di nuovi terreni da destinare alla produzione della carne.

Amazzonia, siamo tutti coinvolti: dalla foresta devastata arriva anche la nostra carne

L’analisi di Greenpeace sugli allevamenti intensivi: producono più CO2 delle automobili

Un’Italia non basta: allevamenti e agricoltura ne consumano una e mezza. Lo studio

«Modificando la nostra dieta – ha spiegato – avremo un co-beneficio: miglioreremo la salute pubblica, riducendo al tempo stesso l’uso di acqua e la produzione di CO2».

Il ministro della transizione ecologica ha menzionato anche un altro grave problema legato agli allevamenti intensivi, ovvero quello della resistenza agli antibiotici che si sviluppa proprio in questi ambienti. «Occorre fronteggiare emergenze come quelle dei batteri antibiotico resistenti – ha detto -, perché certe industrie hanno riversato nell’ambiente una tale quantità di antibiotici che adesso ci troviamo con dei batteri corazzati, che oltre a rappresentare un problema di inquinamento lo diventano anche per la salute pubblica».

Le ultime notizie:

L’Etna è di nuovo sveglio: boati e nuova pioggia di cenere e lapilli. Le immagini dell’ultima eruzione

Con la “rinaturazione” si può combattere la crisi climatica ma anche quella economica: il report WWF

Italia, nel 2020 calo record di consumi ed emissioni: la domanda di energia non era mai stata così bassa dalla Seconda Guerra Mondiale

 

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere moderne per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert, allora conosciuto come Centro Epson Meteo: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore.

Articoli correlati

Back to top button