Previsioni

Anticiclone sull’Italia: tempo stabile e mite, ma con nebbia e smog in aumento

L’anticiclone si è riportato con prepotenza sull’area del Mediterraneo e sul centro Europa, determinando una fase di tempo stabile e molto mite, che però contribuisce alla formazione di nebbia e al graduale accumulo di smog nei bassi strati dell’atmosfera, con conseguente peggioramento della qualità dell’aria specie in Val Padana.

Nella giornata di sabato 15 le centraline ARPA hanno registrato concentrazioni di PM10 di 103 µg/m³  a Codogno, 83 µg/m³ a Brescia, 75 µg/m³ a Mantova, 69 µg/m³ a Pavia, 67 µg/m³ a Verona, 64 µg/m³ a Milano, 62 µg/m³ a Vigevano, 61 µg/m³ a Padova, 57 µg/m³ a Piacenza, 56 µg/m³ a Modena, 54 µg/m³ a Venezia. Concentrazioni decisamente elevate anche di PM2.5, particolato ancora più pericoloso per la salute umana: registrati ad esempio 53 µg/m³ a Milano e Cremona, 56 µg/m³ a Brescia.

Questa situazione meteorologica è determinata dal rinforzo di un promontorio di alta pressione proteso dal Nord Africa che si estenderà in modo deciso sopra il nostro Paese anche nei primi giorni della settimana. Potranno formarsi alcune nebbie nelle valli del Centro-Nord e le temperature resteranno ovunque molto miti, con i maggiori scostamenti dalla norma previsti sulle regioni settentrionali.

meteo smog nebbia

Domenica 16 prende il via con della nuvolosità localmente anche compatta al Nord-Ovest, specie sul Piemonte e sulla Liguria centrale; nuvolosità più irregolare sul Nordest, in Emilia e sull’alta Toscana, cielo in prevalenza sereno o poco nuvoloso nel resto d’Italia. Nel corso del pomeriggio parziale diradamento delle nubi sulle regioni settentrionali; tempo prevalentemente soleggiato nel resto del Paese, salvo per temporanei annuvolamenti sul nordest della Sardegna, nelle zone interne della Sicilia. Temperature senza grandi variazioni e per lo più superiori alla norma. Venti moderati orientali nel Canale di Sardegna, deboli altrove. Mari: mosso il Canale di Sardegna, calmi o poco mossi gli altri.

Settimana al via con l’alta pressione, ma non durerà a lungo

Lunedì 17 giornata prevalentemente soleggiata su gran parte dell’Italia. Una nuvolosità anche consistente potrà insistere sul Piemonte e presentarsi a tratti anche sulla Lombardia occidentale; temporanei annuvolamenti sul settore tirrenico della Sardegna, nel sud e sull’ovest della Sicilia. Possibile presenza di nebbie all’alba sulla bassa valle padano veneta. Temperature senza grandi variazioni con lievi aumenti possibili sul Nordovest e sulle regioni tirreniche. Clima molto mite con valori massimi diffusamente compresi tra 21 e 25 gradi. Venti: moderati o tesi orientali nel Canale di Sardegna che sarà mosso o molto mosso. Altrove venti per lo più deboli, con mari calmi o poco mossi.

Martedì 18 sarà una giornata tranquilla sull’Italia e ben soleggiata. Gli annuvolamenti saranno pochi e modesti: da segnalare al mattino un po’ di nubi significative solo nell’estremo Nord-Ovest tra Piemonte e Lombardia occidentale; nel pomeriggio qualche annuvolamento in più in formazione sui settori alpini centro-occidentali e nelle zone interne della Sicilia; in serata un po’ di nubi in aumento tra Liguria e Toscana occidentale. Attenzione di notte al primo mattino alla visibilità ridotta dai banchi di nebbia in Val padana, coste adriatiche del Nord e in alcune valli del Centro. Temperature massime in aumento di qualche grado al Nord, senza grandi variazioni altrove. Clima molto mite per il periodo e di stampo primaverile: valori diffusamente oltre i 20 gradi con punte fino a 25-26 gradi. Venti generalmente deboli o molto deboli, salvo modesti rinforzi da est nel Canale di Sardegna e da nord tra basso Adriatico, Salento e Ionio. Mari: un po’ mosso il Canale di Sardegna e lo Ionio meridionale; calmi o poco mossi i restanti bacini.

meteo smog nebbia

Un graduale indebolimento dell’anticiclone sembra possibile al Nord nella seconda parte della settimana; le prime avvisaglie di questa tendenza saranno l’avvicinamento di una debole perturbazione al Nord-Ovest nella seconda parte di giovedì 20.

Leggi anche:

Metà dei Paesi del mondo non è protetto dagli eventi meteo estremi

A Cortina potrebbe presto diventare impossibile sciare: il monito dell’ONU

Ondate di caldo letali sempre più frequenti: una sfida per gli aiuti umanitari

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie