Previsioni

Nuova fiammata di caldo africano in arrivo: settimana prossima torna l’estate

Dopo il passaggio di temporali, sull’Italia è in arrivo una nuova fiammata di caldo africano. Le condizioni meteo sull’Italia tornano infatti stabili e con un caldo in progressivo aumento: tutta colpa dell’arrivo su Spagna e Portogallo dell’ex uragano Danielle, indebolito a depressione. La rotazione dei venti della intensa perturbazione che colpirà la penisola iberica tra domenica e l’inizio della prossima settimana, infatti, spingerà verso l’Europa centro-orientale una massa d’aria molto calda: l’anticiclone nord-africano, infatti, farà il suo ritorno, provocando un sensibile aumento delle temperature prima in Francia, poi in Italia, sui Balcani e la Grecia. Il picco della fiammata africana è atteso al Centro-Sud tra mercoledì 14 e giovedì 15 settembre, quando il termometro andrà anche oltre i 35 gradi.

Al via un weekend soleggiato, con qualche temporale possibile al Nord-Est

Sabato nuvolosità irregolare più che altro al Nord-Est e lungo le zone interne e tirreniche della penisola; maggiori schiarite altrove; qualche isolato rovescio possibile nel nord della Campania. Nel pomeriggio annuvolamenti sparsi soprattutto su Alpi, Appennini, parte del Nord-Est, Campania e interno della Puglia, con sviluppo di locali rovesci o brevi temporali sulle Alpi orientali, sull’Appennino settentrionale e, occasionalmente, anche sulle pianure dell’Emilia Romagna orientale. Non si escludono sporadiche precipitazioni anche nelle zone interne del Sud.
Temperature massime quasi ovunque in calo con valori più vicini alla media al Centro-Nord; punte ancora oltre i 30 gradi su Puglia, settori ionici e Isole, fino a 35-36 gradi sulla Sicilia orientale e meridionale. Venti tesi di Libeccio tra il Ligure meridionale e l’alto Tirreno; localmente moderati occidentali su Sardegna e Tirreno centrale, per lo più deboli altrove. Mari: da mosso a molto mosso il basso Ligure; localmente mossi il mare di Sardegna, il medio-alto Tirreno, il basso Adriatico e lo Ionio orientale; calmi o poco mossi tutti gli altri bacini.

Domenica sull’insieme del Paese si osserverà un ulteriore miglioramento, con passaggio a tempo in prevalenza soleggiato. Non mancheranno però locali annuvolamenti: più probabili in mattinata su Alto Adige settentrionale, Romagna, coste centrali adriatiche fino al nord della Puglia e settore del basso Tirreno, con occasionali brevi piogge o rovesci sulla costa romagnola, marchigiana, molisana e garganica. Nel pomeriggio cielo parzialmente nuvoloso su Alpi orientali, Appennino e buona parte del Sud, ma con rischio basso di precipitazioni. Temperature massime in lieve calo su medio-basso Adriatico, versante ionico e nel settore del basso Tirreno; stazionarie o in lieve rialzo altrove. Temperature ovunque oltre la norma con valori pomeridiani compresi fra 25 e 30 gradi, a parte ancora locali punte oltre i 30 gradi all’estremo Sud e sulle Isole, fino a picchi di 34-35 gradi nel sud ed est della Sicilia. Venti da deboli a localmente moderati di Maestrale al Centro-Sud. Mari: localmente mossi i mari di ponente, per lo più poco mossi gli altri.

Settimana prossima nuova fiammata di caldo africano in arrivo sull’Italia: torna l’estate

La stabilità atmosferica ci accompagnerà anche nella prima parte della prossima settimana, quando l’alta pressione di matrice sub-tropicale si espanderà con decisione fin verso la regione alpina, ripristinando ovunque condizioni meteorologiche da piena estate.

Lunedì in particolare sarà una giornata in prevalenza stabile e soleggiata in tutta Italia. Il cielo si presenterà in prevalenza sereno o poco nuvoloso con qualche annuvolamento temporaneamente più consistente al mattino su Puglia adriatica e Calabria tirrenica, nel pomeriggio soprattutto a ridosso dei monti. Temperature massime in leggero calo all’estremo Sud e in Sicilia, senza grandi variazioni altrove; valori per lo più compresi fra 25 e 30 gradi, con punte leggermente superiori sulle Isole. Venti deboli, salvo moderati rinforzi di Maestrale su basso Adriatico e Ionio orientale, di Scirocco verso sera nel Canale di Sardegna. Mari: mossi l’Adriatico meridionale e lo Ionio; poco mossi i restanti bacini.

Dopo un generale e temporaneo ridimensionamento delle temperature previsto anche sulle regioni meridionali fra domenica e lunedì, si prospetta l’avvio di una nuova fase di caldo fuori stagione, specie a partire da martedì e dalle regioni occidentali.

I picchi più elevati, anche oltre i 35 gradi, si potranno osservare mercoledì sulla Sardegna e giovedì anche al Sud e in Sicilia. Al Centro e in Emilia Romagna le massime potranno superare leggermente i 30 gradi, mentre sul resto del Nord i valori, pur sempre oltre la media, saranno più contenuti.

Leggi anche:

L’Estate 2022 è stata la più calda in Europa dal 1979: i dati

Gas, il piano del Governo: dal riscaldamento ai rigassificatori, passando anche per il ritorno del carbone

Clima, i punti di non ritorno della crisi climatica sono sempre più vicini

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie