EsteroIniziativeRipartenza ecologica

In India si lotta per far rivivere le città costiere devastate dai cambiamenti climatici

L'agenzia delle Nazioni Unite, Youth4Water dell'Unicef, ha mobilitato i giovani locali in attività che rafforzino la resilienza degli ecosistemi

In India, nello stato di Odisha, dal 2019 sono state messe in atto una serie di iniziative incentrate sulla protezione dell’acqua, il ringiovanimento e la ricostruzione dei mezzi di sussistenza. In particolare si è pensato alla zona costiera dove fenomeni meteorologici estremi come cicloni, inondazioni e mareggiate sono diventati sempre più frequenti e hanno determinato una fuga dei residenti verso altre città. “Poiché non c’erano posti di lavoro o mezzi di sussistenza alternativi in ​​molti villaggi costieri, specialmente sulle rive settentrionali del lago Chilika, molti giovani sono partiti per altre città del Paese, per lavoro. Ma ora le cose stanno cambiando. Abbiamo mobilitato i giovani per intraprendere iniziative per rafforzare le opportunità di sostentamento per se stessi e per la comunità e prevenire la migrazione per lavoro” ha affermato a RFI Stalin Nayak, direttore del gruppo no profit Pantiss.

Foto di happypixel19 da Pixabay

Il lago Chilika è la più grande laguna di acqua salmastra dell’Asia e la seconda laguna costiera più grande del mondo. Si trova sulla costa orientale, alla foce del fiume Daya che sbocca nel Golfo del Bengala e si estende su un’area di 1.100 km²; è la più estesa area di svernamento per gli uccelli migratori del subcontinente indiano con migliaia di uccelli che ogni anno arrivano da diverse parti del mondo. Il lago è separato dal Golfo del Bengala da una stretta striscia di sabbia lunga 60 km e isolette paludose. La sua insolita diversità idrologica gli conferisce le caratteristiche di lago, estuario e laguna. Ospita diverse specie di piante e animali a rischio estinzione: si stima che nell’alta stagione migratoria arrivino oltre 160 specie di uccelli, provenienti dal Mar Caspio, dal Lago Baikal, dal Mare d’Aral, da altre parti remote della Russia, dalle steppe kirghise del Kazakistan, dall’Asia centrale e sud-orientale, dal Ladakh e dall’Himalaya. Alcuni uccelli percorrono fino a 12.000 km per raggiungere questo luogo, rendendolo un’importantissima zona di biodiversità.

Foto di sharkolot da Pixabay

L’agenzia delle Nazioni Unite, Youth4Water dell’Unicef, ha mobilitato i giovani locali nella città di Mangalajodi, che si trova sulle sponde settentrionali del lago Chilika, in attività che rafforzino la resilienza dell’ecosistema. La città ha una popolazione di circa 10000 persone che per lo più lavorano intorno alle zone umide. Sono state avviate sessioni settimanali di pulizia nei luoghi turistici nell’area e corsi di formazione per permettere ai giovani, grazie a segnali visivi, inclusi alcuni bioindicatori, di diagnosticare i problemi idrici. “Si sta rivelando un successo. L’ecoturismo è in aumento e i giovani stanno anche formando la popolazione locale per diventare guide e autisti turistici” ha dichiarato Anwesa Dutta, coordinatrice di Youth4Water. È stata creata una piattaforma per i giovani e si stima che oltre 100000 siano attualmente impegnati a spargere la voce nelle zone vulnerabili dell’Odisha. Sebbene non siano disponibili dati ufficiali sul numero di migranti da Mangalajodi verso altri stati, gli sforzi di ripristino hanno avvantaggiato la gente del posto e stanno arrestando la migrazione.

La gente del posto testimonia che la migrazione climatica si è notevolmente ridotta da quando sono state avviate queste iniziative che hanno determinato maggiori opportunità di lavoro. “Ricordo com’erano le cose qualche anno fa. C’è stata una trasformazione e oggi Mangalajodi è diventato un corpo idrico iconico a sostegno di mezzi di sussistenza sostenibili, pesca responsabile ed ecoturismo” queste le parole di Sugyan Behera, una guida turistica. “Sono stupito di vedere questo. Ora abbiamo tutti che partecipano e anche gli anziani della comunità stanno aiutando a preservare le risorse idriche naturali ” ha affermato Manoj Kumar Sahu, un funzionario del consiglio del villaggio.

Foto di Bishnu Sarangi da Pixabay

Per decenni la stagnazione economica, i disastri naturali nella regione, uniti alla crescita e all’urbanizzazione di altre parti dell’India, hanno fatto sì che l’Odisha sia stata a lungo una fonte di lavoratori per altre zone: l’esaurimento della pesca e la perdita di biodiversità erano evidenti. Ora ci sono stati miglioramenti con un aumento della pesca di cattura, una riduzione delle erbe infestanti e un aumento della popolazione di uccelli migratori.

Foto di kumararunprasad da Pixabay

Stefania Andriola

Lavoro in redazione da febbraio 2010. Mi piace definirmi “giornalista, scrittrice e viaggiatrice”. Adoro viaggiare, conoscere culture diverse; amo correre, andare in bicicletta, fare lunghe passeggiate ma anche leggere un buon libro. Al mattino mi sveglio sempre con un’idea: cercare di aggiungere ogni giorno un paragrafo nuovo e interessante al libro della mia vita e i viaggi riempiono le pagine che maggiormente amo. La meteorologia per me non è solo una scienza ma è una passione e un modo per ricordarmi quanto siamo impotenti di fronte alle forze della natura. Non possiamo chiudere gli occhi e dobbiamo pensare a dare il nostro contributo per salvaguardare il Pianeta. Bastano piccoli gesti.

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie