Acqua - Water ObservatoryIniziative

L’unione fa la forza: Università degli Studi di Milano-Bicocca e governo delle Maldive insieme per proteggere la biodiversità

In partenza il progetto "Oceano verticale" per mettere a punto un metodo scientifico utile a preservare le aree marine e costiere maldiviane

Al via un progetto importante che vedrà la collaborazione tra l’Università degli Studi di Milano-Bicocca e il ministero dell’Ambiente, dei cambiamenti climatici e delle tecnologie della Repubblica delle Maldive con l’obiettivo di salvaguardare e favorire lo sviluppo sostenibile dell’ambiente marino nel cuore dell’Oceano Indiano. L’iniziativa si chiama “Oceano Verticale” e nei prossimi 3 anni vedrà impegnata una squadra di oltre 20 scienziati provenienti dall’Università milanese ed esperti nello studio degli habitat delle 1192 isole coralline degli atolli. L’accordo è stato firmato il 28 giugno 2022 nel corso della Ocean conference di Lisbona organizzata dalle Nazioni Unite. L’obiettivo è quello di mettere a punto un metodo scientifico utile a preservare le aree marine e costiere maldiviane, identificando quelle che necessitano maggiormente di protezione; verrà preso in considerazione un tratto di 12 miglia, dalla costa alla scogliera corallina e 8 km di biodiversità verticale, dalle profondità dell’oceano fino alla colonna d’aria popolata dai volatili.

Oceano verticale

L’equipe italiana potrà contare sul lavoro del governo delle Maldive che garantirà il supporto nella mappatura delle aree marine da salvaguardare e di quelle già esistenti e coordinerà i programmi e le iniziative di sensibilizzazione della popolazione relative alle aree protette. I monitoraggi saranno eseguiti da rappresentanti di entrambe le parti dell’accordo. Questo intenso sforzo di collaborazione tra l’Università Bicocca e il governo maldiviano aumenterà la capacità di quest’ultimo, così come quella di ciascuno dei soggetti direttamente o indirettamente coinvolti, di gestire i dati raccolti ed implementare le decisioni che ne derivano. Inondazioni costiere, acidità degli oceani e innalzamento del livello del mare sono solo alcune delle condizioni che minacciano le isole.

Barriera corallina, Oceano verticale

“L’impatto di questi cambiamenti ha spinto scienziati e istituzioni a cambiare prospettiva verso un approccio verticale. Le basse isole maldiviane e gli elementi naturali circostanti, ossia le acque marine e l’atmosfera, vanno considerati come una singola unità dello stesso ecosistema” queste le parole di Paolo Galli, coordinatore scientifico dell’accordo ed ecologo di Milano-Bicocca. Proteggere l’ambiente come un ecosistema unico, dalle spiagge dove le tartarughe depongono le uova, alle scogliere coralline fino ai mangroveti, questo è il focus dell’accordo tra le due istituzioni che si innesta nel solco di una collaborazione di lungo corso. Dal 2009 infatti l’Ateneo porta avanti alle Maldive studi scientifici, iniziative e progetti dedicati alla biologia marina nelle aule e nei laboratori del centro di ricerca Marhe center: si trova sull’isola di Magoodhoo e vede una continua collaborazione tra ricercatori italiani e colleghi maldiviani per lo studio di nuove soluzioni per lo sviluppo sostenibile.

Oceano verticale

“Con il patto siglato l’Ateneo rafforza il suo impegno per la missione di difesa dei mari e della biodiversità. Con questo obiettivo l’università schiera al fianco del governo delle Maldive tutte le sue competenze: non solo biologi marini, ma anche psicologi, geologi, geografi e giuristi saranno coinvolti nella messa a punto di strategie in grado di garantire la resilienza di questo delicato e prezioso ecosistema” ha dichiarato la rettrice di Milano-Bicocca, Giovanna Iannantuoni.

Foto di Stefania Andriola

Stefania Andriola

Lavoro in redazione da febbraio 2010. Mi piace definirmi “giornalista, scrittrice e viaggiatrice”. Adoro viaggiare, conoscere culture diverse; amo correre, andare in bicicletta, fare lunghe passeggiate ma anche leggere un buon libro. Al mattino mi sveglio sempre con un’idea: cercare di aggiungere ogni giorno un paragrafo nuovo e interessante al libro della mia vita e i viaggi riempiono le pagine che maggiormente amo. La meteorologia per me non è solo una scienza ma è una passione e un modo per ricordarmi quanto siamo impotenti di fronte alle forze della natura. Non possiamo chiudere gli occhi e dobbiamo pensare a dare il nostro contributo per salvaguardare il Pianeta. Bastano piccoli gesti.

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie