Ghiacci

Artico, ghiaccio marino meno esteso a giugno per colpa del caldo anomalo

Il ghiaccio si è ritirato ad un ritmo di oltre 64 mila chilometri quadrati ogni giorno

Lo scorso mese l’estensione della banchisa di ghiaccio artico è stata la terza più bassa mai registrata a giugno. In media la calotta ha raggiunto una estensione di 10.58 milioni di chilometri quadrati, 170.000 chilometri quadrati più grande del record minimo di giugno raggiunto nel 2016. Lo rivela l’ultimo bollettino realizzato dal National Snow and Ice Data Center.

Il ghiaccio si è ritirato ad un ritmo di oltre 64 mila chilometri quadrati ogni giorno, circa il 20% più velocemente rispetto alla media del trentennio 1981-2010. Si tratta di una superficie leggermente più grande di Toscana, Lazio, Campania e Umbria messi insieme.

La temperatura dell’aria a 760 metri di quota in atmosfera è stata più calda del normale: su gran parte del Mar glaciale artico la temperatura è rimasta di 1-4 gradi più elevata; lungo la costa siberiana del Mare di Laptev orientale i valori sono rimasti addirittura di 8 gradi più alti.

Leggi anche:

Riscaldamento globale, Giugno ad un soffio dal record: spicca la Siberia

Caldo record in Siberia: quali sono le cause e perché è una notizia così preoccupante?

In particolare, nel Mare di Laptev l’estensione del ghiaccio ha raggiunto valori record negativi a partire dal 19 giugno fino alla fine del mese. La fusione del ghiaccio in quest’area ha fatto aumentare la temperatura superficiale del mare di 4 gradi oltre lo zero. Secondo gli esperti il vortice polare record di questo inverno e l’Oscillazione Artica in fase positiva hanno contribuito alla perdita di ghiaccio in quest’area. Secondo alcuni studi, infatti, con Oscillazione Artica positiva aumenta molto il movimento del ghiaccio al largo della costa della Siberia, che, in questo modo rimane più sottile e quindi più sensibile alle temperature.

Tags

Silvia Turci

Ho conseguito una laurea specialistica in Comunicazione per l’Impresa, i media e le organizzazioni complesse all’Università Cattolica di Milano. Il mio percorso accademico si basa però sullo studio approfondito delle lingue straniere, nello specifico del francese, inglese e russo, culminato con una laurea triennale in Esperto linguistico d’Impresa. Sono arrivata a Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995) nel 2014 e da allora sono entrata in contatto con la meteorologia e le scienze del clima: una continua scoperta che mi ha fatto appassionare ogni giorno di più al mio lavoro.

Articoli correlati