Notizie MondoTemperatureTerritorioVideo

Clima, Guterres: “i disastri sono il prezzo della dipendenza dai combustibili fossili”. Il video

Andiamo verso "territori inesplorati di distruzione", avverte il Segretario Generale delle Nazioni Unite

Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres è intervenuto alla presentazione del rapporto United in Science, realizzato dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale, con un video messaggio in cui ha sottolineato in modo molto chiaro la gravità della situazione per quanto riguarda il clima e l’urgenza di agire subito in modo concreto per evitare catastrofi ancora peggiori di quelle a cui abbiamo già assistito.

Clima, allarme degli scienziati: «andiamo nella direzione sbagliata». Dobbiamo fare molto di più per evitare effetti catastrofici

Clima, il discorso di Guterres:

Il nostro clima si sta riscaldando rapidamente, ha detto Guterres aprendo il suo intervento.
Inondazioni, siccità, ondate di caldo, tempeste estreme e incendi stanno andando di male in peggio, battendo record con una frequenza sempre allarmante. Ondate di caldo in Europa. Colossali inondazioni in Pakistan. Siccità prolungate e gravi in ​​Cina, nel Corno d’Africa e negli Stati Uniti.

Non c’è nulla di naturale nella nuova portata di questi disastri. Sono il prezzo della dipendenza dell’umanità dai combustibili fossili. Il numero di disastri meteorologici, climatici e legati all’acqua è aumentato di cinque volte negli ultimi 50 anni. Le perdite ammontano a più di 200 milioni di dollari al giorno.
Il rapporto United in Science di quest’anno mostra che gli impatti climatici sono diretti verso territori di distruzione inesplorati.

Eppure ogni anno raddoppiamo questa dipendenza dai combustibili fossili. Anche se i sintomi peggiorano rapidamente, anche se conosciamo la cura.
I nostri leader si sono impegnati nell’accordo di Parigi a limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C e costruire la resilienza climatica. Il rapporto United in Science di quest’anno mostra che siamo ancora fuori strada. L’azione per il clima è in stallo su fronti chiave, e le persone e i paesi più poveri sono quelli più colpiti. Ma nessun paese è immune. Il rapporto è un vergognoso promemoria del fatto che la costruzione della resilienza è la metà trascurata dell’equazione climatica.

È uno scandalo che i paesi sviluppati non abbiano preso sul serio l’adattamento e si siano scrollati di dosso i loro impegni per aiutare il mondo in via di sviluppo. Il documento finale di Glasgow esorta i paesi sviluppati a fornire collettivamente 40 miliardi di dollari all’anno in nuovi finanziamenti per l’adattamento. Questo deve essere consegnato per intero, come punto di partenza.

Ma chiaramente non basta. Il fabbisogno di finanziamenti per l’adattamento è destinato a crescere fino ad almeno 300 miliardi di dollari all’anno entro il 2030. Sono appena tornato dal Pakistan, dove ho visto in prima persona l’enorme scala del bisogno lì. Come minimo, il 50 per cento di tutti i finanziamenti per il clima deve essere destinato all’adattamento. 

Questo è un imperativo morale, ma è anche una questione di buon senso. Gli investimenti per l’adattamento pagano enormi dividendi umani, sia per i donatori che per i paesi vulnerabili, le persone e le comunità. 

Eppure la maggior parte delle banche multilaterali di sviluppo non stanno facendo abbastanza. I paesi del G20 sono i loro azionisti. Il dollaro si ferma con loro per forzare i cambiamenti necessari. È anche chiaro che i sistemi di allerta precoce salvano vite. Ecco perché ho annunciato che le Nazioni Unite lavoreranno per renderli disponibili a ogni persona sulla Terra entro cinque anni. L’Organizzazione meteorologica mondiale assumerà il comando. Molti paesi in via di sviluppo mancano ancora di questi servizi essenziali.

Leggi anche:

Clima, allarme degli scienziati: «andiamo nella direzione sbagliata». Dobbiamo fare molto di più per evitare effetti catastrofici

Guerra, crisi energetica e climatica: le grandi sfide dell’Europa nello Stato dell’Unione 2022

 

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie