Cop26Politiche

Cop26, fuga di documenti: alcune nazioni hanno fatto pressioni per manipolare i dati del rapporto Ipcc

A pochi giorni dall’inizio della Cop26, emergono documenti che dimostrerebbero che alcune nazioni avrebbero fatto pressioni per manipolare i dati scientifici del rapporto dell’Ipcc. A dare notizia di questa fuga di documenti è stata la BBC che rivela che tra i Paesi a fare lobbying ci sono anche Arabia Saudita, Giappone e Australia, che vorrebbero rallentare il processo di decarbonizzazione.

I documenti riportano più di 32.000 “osservazioni” provenienti da nazioni ma anche da aziende influenti e altre parti interessate, indirizzate a team di scienziati a cui è stato chiesto di smussare i dati e mettere mano a quello che dovrebbe essere il più importante rapporto sullo stato del clima mai realizzato.

Il rapporto Ipcc viene realizzato ogni 6-7 anni dal Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (Intergovernmental Panel on Climate Change), organismo dell’Organizzazione delle Nazioni Unite incaricato di esaminare la scienza del cambiamento climatico. Un documento fondamentale nelle trattative al via a Glasgow a novembre.

Leggi anche: Il rapporto IPCC è un “codice rosso per l’umanità

Nei documenti arrivati nelle mani dei giornalisti della BBC, rilasciati dal gruppo di giornalisti investigativi di Greenpeace UK, alcuni Paesi sono contrari alla necessita di una veloce uscita dal carbone, altri alla riduzione del consumo di carne per abbattere le emissioni e altri hanno espresso perplessità  sulla necessità di pagare gli stati più poveri per favorire la transizione ecologica.

Secondo quanto riportato dalla BCC dunque alcune nazioni, mosse da evidenti interessi economici, stanno dunque facendo lobby per annacquare i dati dell’Ipcc, e quindi le azioni richieste per far fronte alla crisi climatica. E la notizia arriva a pochi giorni dall’avvio dei negoziati della 26ma conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, in cui sarà chiesto ai Paesi di intraprendere azioni importanti per limitare il riscaldamento globale sotto la soglia dei 1,5 gradi.

Come riferito dalla BBC, l’Ipcc ha detto che «il loro metodo è fatto apposta per difendersi dalle lobby. Il processo di revisione è (ed è sempre stato) assolutamente fondamentale per il lavoro dell’Ipcc ed è ciò che determina la grande autorevolezza e forza dei nostri rapporti».

Ipcc Climate Change 2021 – The Physical Science Basis

Interessi economici prima della crisi climatica: le pressioni di alcuni Paesi all’Ipcc su carbone, carne e sul supporto a Paesi in via di sviluppo

Molte nazioni non vogliono ridurre l’uso di combustibili fossili, o almeno non così velocemente. Tra questi c’è un consulente del ministero del petrolio dell’Arabia Saudita, che ritiene da eliminare dal rapporto frasi come «c’è urgenza di accelerare le azioni di mitigazione». Un ufficiale del governo australiano rifiuta il fatto che chiudere le centrali a carbone sia una azione necessaria, nonostante sia uno delle tappe principali nella lotta al cambiamento climatico. Ovviamente entrambi i Paesi hanno interessi economici evidenti: il primo è tra i principali produttori di petrolio al Mondo, il secondo è un grande esportatore di carbone.

Argentina e Brasile, due dei più grandi produttori di carne bovina, nei documenti trapelati hanno espresso una forte contrarietà rispetto al fatto che ridurre il consumo di carne sia necessario per abbattere le emissioni di gas serra. Entrambi i Paesi chiedono di eliminare dei passaggi del rapporto in cui viene suggerito che il passaggio ad una dieta “plant-based” sia importante per la lotta alla crisi climatica, o il fatto che la carne sia un cibo ad alte emissioni.

Emissioni di gas serra, il 35% arriva dal nostro piatto
Un numero “significativo” di osservazioni fatte dalla Svizzera, rivela la BBC, premono per modificare le parti del rapporto Ipcc in cui si sottolinea la necessità di aiuti, soprattutto economici, da parte di Paesi ricchi ai Paesi più poveri. Insieme alla Svizzera, anche l’Australia. Il ministero dell’Ambiente svizzero ha poi detto alla BBC che «sebbene la finanza climatica sia uno strumento cruciale per aumentare le ambizioni climatiche, non è l’unico a disposizione. La Svizzera ritiene che chi tra le Parti dell’Accordo di Parigi abbia la capacità di farlo dovrebbe dare supporto a chi ne ha bisogno».
Infine alcune nazioni, principalmente europee, ritengono che il rapporto dovrebbe essere più positivo rispetto al ruolo che potrebbe avere il nucleare nel raggiungimento dei target climatici. Tra questi l’India che sostiene che quasi tutti i capitoli contengano un «pregiudizio negativo nei confronti dell’energia nucleare» e di come questa sia ormai una «tecnologia consolidata», con «buoni sostegni politici ad eccezione di poche nazioni».

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie