Clima e mercati finanziariEnergiaPolitiche

La Germania anticipa l’uscita dal carbone

Inizia subito il piano di "spegnimento" degli impianti a carbone, possibile raggiungimento degli obiettivi già nel 2035

La Germania inizia concretamente il 2020 contrastando la crisi climatica dando subito il via al piano di spegnimento degli impianti a carbone della nazione. Il provvedimento è stato approvato da Bund (Parlamento federale) e dai Laender (singoli stati). Un primo blocco di centrali energetiche a carbone, le più datate, già a partire dal 2020, secondo quanto annunciato dal Ministro dell’Ambiente Svenja Schulze che ha dichiarato “Siamo il primo paese al mondo ad uscire dal nucleare e dal carbone: un grande passo per la protezione #clima e un importante segnale internazionale.”

La governance della transazione prevede, come annunciato dal ministro delle finanze Olaf Scholz, un piano miliardario di risarcimento per i gestori colpiti: per quelli dell’ovest sono previsti 2,6 miliardi di euro, per quelli delle centrali dell’est, 1,7 miliardi.

Le regioni carbonifere riceveranno in totale 40 miliardi di euro per la ristrutturazione della propria economia. Il progetto di eliminazione graduale del carbone dovrebbe essere lanciato già a Gennaio e sarà adottato entro la metà dell’anno. Ma non sarà un progetto avviato senza monitoraggio come purtroppo accade in molti altri Paesi, nel 2026 e nel 2029 verrà verificato su larga scala l’andamento del graduale abbandono del carbone. E’ possibile che si arrivi ad una disattivazione totale nel 2035 ovvero 3 anni prima rispetto all’obiettivo prefissato del 2038.

Tags

Elisabetta Ruffolo

Nata a Milano, classe 1989, ha intrapreso un primo percorso accademico presso la Facoltà di Scienze dei Beni culturali dell'Università degli studi di Milano, curricula orientata al mondo del cinema e dello spettacolo. In seguito, per acquisire gli strumenti necessari per una visione ad ampio raggio della società e dei sistemi politici e amministrativi, ha conseguito la Laurea in Economia & Management Pubblico presso la facoltà di Scienze Politiche. Grazie ad una esperienza lavorativa nel Venture Capital entra in contatto con il mondo dell’innovazione e delle start-up, conclude così il percorso accademico con un elaborato finale in diritto dell'Economia volto ad analizzare i risvolti della dottrina nel sistema delle imprese innovative dal titolo "La normativa europea sull'equity crowdfounding: Problemi e prospettive". Approda a Meteo Expert nel 2016, dove si occupa di coordinare le attività di divulgazione scientifica in ambito televisivo, radiofonico ed editoriale.

Articoli correlati