ClimaInquinamentoPrimo Piano

La CO2 ha fatto un balzo record in 12 mesi: i dati

Abbiamo vissuto il più grande aumento di concentrazione di anidride carbonica mai osservato in 12 mesi

La CO2 in atmosfera ha visto il più grande balzo mai registrato: la concentrazione media globale di anidride carbonica nel marzo di quest’anno, infatti, è stata superiore di 4,7 parti per milione (o ppm) rispetto al marzo dell’anno scorso, il che rappresenta un aumento record dei livelli di CO2 in un periodo di 12 mesi.

L’aumento è stato favorito, secondo gli scienziati, dall’evento climatico periodico El Niño, che ora si è attenuato, oltre che dalla continua e crescente quantità di gas serra espulsi nell’atmosfera a causa della combustione di combustibili fossili e della deforestazione.

È davvero significativo vedere il ritmo dell’aumento nei primi quattro mesi di quest’anno, che è anche un record”, ha affermato in un comunicato Ralph Keeling, direttore del Programma CO2 presso lo Scripps Institution of Oceanography della UC San Diego. “Non stiamo battendo solo i record di concentrazione, ma anche il record di velocità di aumento”.

La concentrazione di CO2 tende ad aumentare in modo particolarmente rapido verso la fine degli eventi El Niño. In precedenza, il tasso di crescita più rapido del gas serra si è verificato all’inizio del 2016, proprio alla fine della stagione di El Niño. Le impennate di crescita di El Niño si sono aggiunte all’aumento a lungo termine della crescita di CO2 legata al rialzo delle emissioni di combustibili fossili, che sono aumentate del 5% dal 2016 a oggi.

Questa accelerazione è significativa perché, sebbene la CO2 di per sé non fornisca calore, come gas serra aumenta la capacità dell’atmosfera di intrappolare il calore che altrimenti verrebbe rilasciato nello spazio. L’eccesso di CO2 può rimanere nell’atmosfera per decenni o secoli. L’eccesso di CO2 ha un impatto anche al di fuori dell’atmosfera: poiché l’oceano assorbe questo eccesso di CO2, gli scienziati stanno misurando la crescente acidificazione dell’oceano.

“Questa recente impennata mostra quanta strada dobbiamo ancora percorrere per stabilizzare il sistema climatico”, prosegue Keeling. “La stabilizzazione richiederà che i livelli inizino a scendere. Invece, la CO2 sta aumentando più velocemente che mai”.

I dati della Curva di Keeling per l’inizio del 2023 sono stati raccolti sulla coima di Maunakea, sull’isola delle Hawaii, dove sono state installate le apparecchiature di misurazione dopo l’eruzione di Mauna Loa del novembre 2022. Il record di Maunakea è proseguito parallelamente a quello di Mauna Loa.

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button