ClimaNotizie MondoTerritorio

Siccità nel Corno d’Africa, l’impatto disastroso sui diritti e la salute della popolazione

Corno d'Africa a un passo dalla carestia, più di 15 milioni le persone in condizioni di insicurezza alimentare a causa della siccità. Aumentano anche violenze e abusi, è boom di matrimoni infantili

Da mesi il Corno d’Africa sta vivendo una delle peggiori siccità della storia recente, e la situazione è ormai disperata in Etiopia, in Kenya e in Somalia.

Secondo i dati resi noti a fine aprile dall’OCHA, l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari si stima che siano più di 15 milioni le persone in condizioni di grave insicurezza alimentare.
«Il rischio di perdere vite umane su larga scala aumenta ogni giorno», avverte l’OCHA, specificando che sono necessari aiuti urgenti.

Le ultime tre stagioni delle piogge sono state segnate da precipitazioni inferiori alla media, e secondo le previsioni anche quella in corso sarà probabilmente caratterizzata da un deficit idrico. Se anche le piogge di questa stagione – che si chiuderà a maggio – dovessero risultare al di sotto della norma, questa sarebbe la prima volta negli ultimi 40 anni che il Corno d’Africa deve far fronte a quattro stagioni consecutive segnate dalla siccità.

Siccità nel Corno d’Africa, la situazione

Nel Corno d’Africa sono tra i 15 e i 16 milioni le persone che a causa della siccità devono far fronte a un’insicurezza alimentare acuta e una crescente malnutrizione. Quasi 6 milioni di persone sono colpite da una grave insicurezza alimentare in Somalia, tra i 5,5 e i 6,5 milioni di persone in Etiopia, circa 3,5 milioni in Kenya.
Milioni di animali – capi di bestiame da cui dipendeva il sostentamento di migliaia di famiglie – sono morti o emaciati.

Negli ultimi due mesi di emergenza siccità, nel Corno d’Africa il numero di persone senza un accesso affidabile ad acqua pulita e sicura è quasi raddoppiato, raggiungendo i 10,5 milioni. Centinaia di migliaia di persone hanno abbandonato la propria casa.
Se la situazione non cambia, secondo il World Food Programme il numero di persone spinte alla fame per la siccità nel Corno d’Africa potrebbe raggiungere i 20 milioni entro la fine dell’anno.

Tra i più colpiti ci sono i bambini: in migliaia rischiano la vita

Secondo i dati forniti dall’Unicef alla fine di aprile, in tutto il Corno d’Africa la siccità sta colpendo almeno 10 milioni di bambini con fame, malnutrizione e sete. Tra loro sono più di 1,7 milioni i bambini che necessitano di cure urgenti per una malnutrizione particolarmente grave, e si prevede che la cifra raggiungerà presto i 2 milioni se le piogge dovessero mancare anche nelle prossime settimane.
«Se non agiamo ora, nel giro di poche settimane assisteremo a una valanga di morti infantili», afferma il Direttore regionale del Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia per l’Africa orientale e meridionale, Mohamed M. Fall. «La carestia è dietro l’angolo».

Dopo aver visitato l’Etiopia nei giorni scorsi, la direttrice dell’Unicef Catherine Russell ha avvertito che «l’impatto della siccità è devastante» nel paese. «Ho incontrato bambini e famiglie che hanno letteralmente perso tutto – racconta -. Il loro bestiame è morto e di conseguenza non hanno alcuna fonte di reddito. Non possono nutrire i loro figli e si spostano in cerca di cibo e acqua».

Non sono solo malnutrizione e malattie a minacciare la vita dei bambini. Solo in Etiopia sono più di 60.000 quelli che hanno già abbandonato la scuola: nella maggior parte dei casi non possono dedicarsi all’istruzione perché devono percorrere lunghe distanze in cerca di cibo e acqua, o devono accudire altri bambini mentre chi se ne occupa di solito va in cerca di acqua.

siccità africa

Anche le donne tra le categorie più a rischio: aumentano violenza e sfruttamento

Le donne sono tra le categorie colpite maggiormente dalla crisi, e si trovano esposte anche a un maggiore rischio di violenza di genere, sfruttamento e abusi sessuali. Le famiglie in difficoltà smettono di mandare le bambine e le ragazze a scuola prima di quanto non succeda ai loro compagni maschi: da una parte viene data la priorità ai bambini e ai ragazzi quando si fatica a pagare le tasse scolastiche, dall’altra le figlie vengono più spesso incaricate della ricerca di acqua e cibo o della cura dei bambini più piccoli.

Aumentano le spose bambine

Tra i rischi ci sono anche i matrimoni di bambine. «Il matrimonio infantile spesso aumenta in tempi di siccità, quando le famiglie danno in sposa le figlie nella speranza che siano nutrite e protette meglio, oltre che per guadagnare doti», spiega Russell. «In alcune zone colpite dalla siccità in Etiopia c’è stato un aumento del 51 per cento dei matrimoni precoci».

Foto: Save The Children Somalia

Prezzi alle stelle e pochi aiuti internazionali, così la guerra in Ucraina peggiora ulteriormente la situazione

Le regioni del Corno d’Africa più colpite dalla siccità hanno dovuto far fronte a diverse gravi criticità nell’arco di pochissimo tempo. Tra le più catastrofiche ci sono state le invasioni senza precedenti di locuste e la pandemia di Covid-19, che ha interrotto le catene di approvvigionamento per numerosi prodotti alimentari di base.

In questa situazione i prezzi del cibo, ma anche dei carburanti e dei fertilizzanti, avevano già subito importanti aumenti, e la guerra della Russia in Ucraina adesso sta peggiorando ulteriormente le cose.
Infatti, Russia e Ucraina sono alcuni dei principali fornitori di prodotti agricoli – come grano, soia e orzo – per una parte importante del continente.
Secondo i dati pubblicati dalla FAO, l’Etiopia dipende interamente da questi due paesi per l’importazione di grano. Anche la Somalia, tra le nazioni dell’Africa più colpite dalla siccità, dipende fortemente dal grano proveniente dalla Russia e dall’Ucraina: nel 2021 il 92 per cento del grano importato nel paese veniva da qui.
Il Kenya ne ha importato più del 30 per cento, l’Etiopia più del 40%.

La guerra, di conseguenza, sta determinando ulteriori impennate nei prezzi di prodotti alimentari fondamentali. Allo stesso tempo il conflitto si sta imponendo al centro dell’agenda globale, contribuendo a ridurre l’attenzione che decisori politici e opinione pubblica dedicano all’emergenza in atto nel Corno d’Africa, dove il bisogno di solidarietà e aiuti internazionali è più che mai urgente.

Le ultime notizie di IconaClima:

Primavera rovente in India, superati i 45°C. A Nuova Delhi aria irrespirabile per il fumo degli incendi

Mediterraneo invaso dalle meduse, uno squilibrio provocato dall’uomo: preoccupano le conseguenze

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Dal 2021 sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. La crisi climatica avanza, con conseguenze estremamente gravi sull’economia, sulla sicurezza e sulla vita stessa di un numero sempre maggiore di persone. Un'informazione corretta, approfondita e affidabile è più che mai necessaria.

Articoli correlati

Back to top button