EsteroNotizie MondoTerritorio

La siccità si aggrava nel sud degli Stati Uniti: grano invernale a rischio

Nel sud-ovest del Kansas, vale a dire lo stato che produce la maggior quantità di grano, non si vedono piogge o nevicate consistenti da ottobre

La siccità si è aggravata nelle pianure meridionali degli Stati Uniti mettendo a rischio il raccolto di grano invernale nella regione proprio mentre il conflitto tra Russia e Ucraina intacca le forniture globali. Il sud-ovest del Kansas, vale a dire lo stato che produce la maggior quantità di grano negli Stati Uniti, non vede piogge o nevicate consistenti da ottobre. Il grano invernale- come riferisce la Reuters – viene piantato in autunno, giace dormiente in inverno e germoglia in primavera. L’umidità del suolo è dunque un fattore fondamentale per la prosperità del raccolto.

Leggi anche:

Inverno 21-22, anticiclone di blocco quasi record tra le cause della siccità al Nord

Gravi siccità nelle pianure meridionali degli Stati Uniti: diverse regioni a secco

La siccità nel sud degli Stati Uniti sta interessando diversi stati, in particolare appunto il Kansas dove, secondo il National Drought Mitigation Center, più della metà del territorio è stata classificata come in grave siccità o peggiore all’8 marzo. Si tratta delle condizioni più aride dal 2018. La grave siccità sta coprendo anche tre quarti dell’Oklahoma e più di due terzi del Texas, entrambi grandi produttori di grano. Il raccolto, oltre che gravemente provato dall’assenza di acqua, ha dovuto fare i conti a dicembre con una strana tempesta di vento che ha danneggiato i terreni coltivati lungo la cintura del grano statunitense.

La siccità nell’ovest degli Stati Uniti è la peggiore degli ultimi 1200 anni

L’inflazione alimentare è la più alta mai registrata a febbraio e rischia di peggiorare

Il grano duro invernale rosso degli Stati Uniti rappresenta quasi la metà della produzione complessiva di grano del paese. Un raccolto ridotto andrebbe a peggiorare ulteriormente l’inflazione alimentare che, secondo le stime della FAO, è la più alta mai registrata nel mese di febbraio. L’Indice dei prezzi alimentari della FAO ha raggiunto una media di 140,7 punti il ​​mese scorso, con un aumento del 20,7% rispetto all’anno precedente e superando il record del 2011.

Intanto gli agricoltori del Kansas, che normalmente avrebbero già venduto metà del raccolto, procedono con cautela non sapendo quanto raccolto effettivamente potranno vendere per rispettare i contratti stipulati. Inoltre, il conflitto tra Russa e Ucraina ha spinto fuori dal mercato due dei maggiori esportatori di grano al mondo, lasciando i paesi importatori alla ricerca di una soluzione. La Cina, il principale produttore mondiale di grano, rischia di dover fare i conti con la peggiore raccolta di grano invernale in assoluto a causa delle forti piogge che hanno ritardato la semina.

La raccolta del grano duro invernale negli Stati Uniti provata dalla siccità per il secondo anno consecutivo

Questo è il secondo raccolto di grano statunitense consecutivo bloccato dalla siccità. Anche il raccolto di grano primaverile del 2021, infatti, è stato bloccato dall’assenza di precipitazioni. Secondo i dati del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, al 13 marzo solo il 23% del raccolto di grano del Kansas era in buone condizioni o migliore mentre il 38% era valutato da povero a molto povero. Si tratta della valutazione più bassa per questo punto della stagione in quattro anni.

Leggi anche:

Corsa all’indipendenza energetica: cosa insegna il caso Islanda

Amazzonia, deforestazione record per il secondo mese di fila in Brasile

Per ridurre la dipendenza dal gas russo la politica deve anche decarbonizzare l’edilizia. Il rapporto

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie