AtmosferaInquinamentoTerritorio

Inquinamento, il 2019 «anno nero»: l’allarme di Legambiente

Dopo un 2019 con ventisei città fuorilegge sia per polveri sottili sia per ozono, anche il 2020 si è aperto in piena emergenza inquinamento

Dall’ultimo rapporto di Legambiente sull’inquinamento atmosferico nelle città italiane emerge in modo chiaro una situazione allarmante.

Il 2019 è stato un «anno nero per la qualità dell’aria», si legge nel report Mal’aria di città 2020, con 26 centri urbani fuorilegge sia per polveri sottili che per l’ozono. Maglia nera a Torino, che l’anno scorso ha vissuto addirittura 47 giornate fuorilegge (86 per il PM10 e 61 per l’ozono). Dopo il capoluogo piemontese, sul podio anche le lombarde Lodi e Pavia.

Tra i principali responsabili dell’inquinamento ci sono il traffico, il riscaldamento domestico, le industrie e le pratiche agricole, spiega Legambiente, e sottolinea come, in un quadro così preoccupante, l’auto privata continui «ad essere di gran lunga il mezzo più utilizzato».

E le brutte notizie non riguardano solo i dati relativi all’inquinamento registrato nel 2019. Tutto il decennio che ci lasciamo alle spalle è trascorso con livelli di smog elevatissimi – dal 2010 al 2019 il 28% delle città monitorate da Legambiente ha superato ogni anno i limiti giornalieri di PM10 – e anche gli anni Venti si sono aperti in piena emergenza inquinamento: nelle primissime settimane dell’anno Frosinone, Milano, Padova, Torino e Treviso le città hanno già registrato 18 sforamenti per il di PM10.

A questo link è possibile consultare la versione integrale del rapporto.

Tags

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati