IniziativeNotizie ItaliaProgettiVivere Green

Salone del Mobile, a Milano visitatori accolti da un bosco: il progetto di Forestami

Un centinaio di piante è pronto a dare il benvenuto ai visitatori del Salone del Mobile

Milano si prepara al Salone del Mobile, l’evento curato dall’architetto Stefano Boeri che tra il 5 e il 10 settembre animerà la città con la sua edizione speciale “Supersalone” e il caleidoscopio di eventi ed esposizioni che accompagna la Design Week con il Fuorisalone.

Dopo una lunga attesa imposta dall’emergenza della pandemia, il Salone del Mobile torna quest’anno con molte novità. Tra queste c’è la collaborazione con il progetto ForestaMi, che permetterà ai visitatori dell’esposizione di essere accolti da un vero e proprio bosco. All’ingresso di Porta Est di Fiera Milano Rho sono infatti un centinaio gli alberi pronti a dare il benvenuto a chi visiterà il Salone del Mobile.

Volta a sensibilizzare il pubblico, l’inedita esperienza immersiva e sensoriale si svolgerà attraverso il cammino in una sorta di foresta urbana composta da molte delle essenze che si ritrovano in città: aceri, ippocastani, carpini, frassini, robinie dorata e rossa, spino di Giuda, ginko biloba, paulonia, meli, pruni, querce, tigli, sorbo degli uccellatori. È così che Forestami insieme con supersalone intende invitare il pubblico a prendere coscienza di due tra i più importanti benefici del verde in città: contrastare l’inquinamento e creare luoghi di aggregazione sociale.

Le piante sono state fornite dal vivaio MATI 1909 di Pistoia e sono state donate dal Salone del Mobile.Milano a Forestami: alla fine della design week verranno piantate in diverse aree della Città metropolitana «per contribuire a disegnare il paesaggio del grande polmone verde milanese», fa sapere Forestami in una nota.

Leggi anche:

ForestaMi, i nuovi successi del progetto di piantumazione urbana

ForestaMi: il progetto di forestazione per una città sostenibile

Le ultime notizie:

A Venezia il livello del mare rischia di aumentare di oltre un metro entro la fine del secolo. I ricercatori avvertono: “dobbiamo essere pronti ad agire”

Secondo Mattarella il clima dev’essere una priorità: “occorre fare molto di più”

 

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere moderne per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert, allora conosciuto come Centro Epson Meteo: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore.

Articoli correlati

Back to top button