PoliticheTemperatureVideo

Clima, Draghi al Summit USA: «agire subito per non avere rimpianti in futuro» [VIDEO]

Il premier italiano Mario Draghi è intervenuto Leaders Summit on Climate organizzato dagli Stati Uniti: il vertice si è aperto oggi, in coincidenza con la Giornata Mondiale della Terra, e la sua riuscita potrà rivelarsi cruciale per il futuro dei negoziati sul clima.

Clima, come si sta muovendo l’Italia? Il punto con Jacopo Bencini

Ecco il video del suo intervento, trasmesso in streaming dal governo americano. Di seguito, la traduzione in italiano.

Voglio iniziare ringraziando il presidente Biden per la sua leadership nel prendere questa iniziativa. Come ha appena detto la Cancelliera Merkel (che ha preceduto Draghi nel vertice sul clima, ndr), è un deciso cambiamento.
Ora confidiamo nel fatto che insieme vinceremo questa sfida.

Presidente Biden, cari colleghi, mentre combattiamo la pandemia nei nostri Paesi non possiamo perdere di vista le altre crisi: dobbiamo affrontare il cambiamento climatico.

Con l’accordo di Parigi, ci siamo impegnati a limitare il riscaldamento globale a 1,5° C rispetto ai livelli preindustriali. Ma le azioni che abbiamo intrapreso da allora si sono rivelate insufficienti: con le politiche attuali andiamo verso il raggiungimento dei +3°C di riscaldamento globale.

Dobbiamo invertire la rotta, e dobbiamo farlo rapidamente.

I piani fiscali a cui stiamo lavorando per aiutare i nostri paesi a riprendersi dal Covid-19 offrono un’opportunità unica. Possiamo trasformare le nostre economie e perseguire un modello di crescita più verde e inclusivo. In Europa, abbiamo lanciato un piano comune da 750 miliardi di euro, il Next Generation Eu.
Uno dei suoi obiettivi è sostenere la transizione ambientale in Europa e rendere l’UE carbon neutral entro il 2050.
Circa il 10% dei fondi, circa 70 miliardi di euro, sarà destinato a investimenti in infrastrutture green, economia circolare e mobilità sostenibile solo in Italia.

Foto: Leaders Summit on Climate, via US Department of State

L’Italia è il mio paese d’origine, è un paese bello ma fragile. La lotta al cambiamento climatico è una lotta per la nostra storia, una lotta per i nostri paesaggi.

Dobbiamo destinare i nostri sforzi alla sostenibilità, adottando un approccio multilaterale efficace e inclusivo.

L’Italia quest’anno detiene la presidenza del G20, e la salvaguardia del nostro pianeta è l’obiettivo principale del nostro programma. I paesi del G20 sono responsabili del 75% delle emissioni globali: abbiamo una responsabilità speciale nel garantire che siano rispettati gli obiettivi previsti dall’accordo di Parigi.
La presidenza italiana ha proposto di tenere una riunione ministeriale congiunta su clima ed energia.

Ottenere un risultato significativo al G20 aumenterà anche le possibilità di successo della COP26 in programma a Glasgow.

In qualità di partner del Regno Unito per la COP26, l’Italia si impegna a dare il proprio contributo ospitando la pre-COP26 a Milano e l’evento Youth for Climate.

Anche la finanza internazionale gioca un ruolo importante nel raggiungimento di questi obiettivi. L’Italia si è impegnata a utilizzare il proprio ruolo nelle Istituzioni finanziarie internazionali per fissare obiettivi ambiziosi per il finanziamento del clima e per garantire che le loro attività siano in linea con l’accordo di Parigi. Non vediamo l’ora di ospitare la seconda edizione del summit Finance in Common nell’ambito della nostra presidenza del G20.

Dobbiamo anche aiutare i paesi vulnerabili. Lo scorso dicembre, l’Italia ha destinato 30 milioni di euro al Fondo di adattamento delle Nazioni Unite.

Gli impegni climatici che assumiamo ora determineranno le nostre possibilità di affrontare il cambiamento climatico nel prossimo decennio e oltre. Vogliamo agire ora, per non avere rimpianti in futuro.

Le ultime notizie:

Di giustizia e partecipazione. Dare ai giovani gli strumenti per affrontare la crisi climatica. Conversazione con Giulia Persico

Clima, accordo raggiunto: la Ue ridurrà le emissioni di almeno il 55% entro il 2030

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere moderne per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert, allora conosciuto come Centro Epson Meteo: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore.

Articoli correlati

Back to top button