PoliticheProgettiSalute del pianeta

Coronavirus, Milano capofila per una ripartenza sostenibile

Colpita per prima dal Coronavirus, Milano si prepara a guidare le metropoli verso una «nuova normalità»

Tra le città colpite più duramente dal Coronavirus, Milano sta già pensando alla ripartenza e sembra del tutto intenzionata a farlo puntando, anche, sulla sostenibilità.

In particolare, il Comune ha annunciato l’intenzione di rivedere la gestione delle strade meneghine destinando più spazio a pedoni e biciclette. Il progetto, anticipato oggi dal Guardian, prevede la trasformazione di 35 km di strade nel corso della prossima estate.

coronavirus milano sostenibilità biciciletta
Unsplash/Fritz Bielmeier

Durante il lockdown imposto dall’emergenza Coronavirus a Milano il traffico automobilistico è crollato nelle ultime settimane, e con esso l’inquinamento. Secondo quanto anticipato dal giornale britannico, il progetto Strade Aperte prevede la realizzazione di piste ciclabili e marciapiedi nuovi e più ampi, ma anche l’introduzione di limiti di velocità a 30 km orari. Sembra probabile che i lavori inizino da un tratto di Corso Buenos Aires, dove all’inizio di maggio dovrebbe partire la realizzazione di una nuova pista ciclabile e l’allargamento dei marciapiedi.

Leggi anche:

Lockdown, drastico calo di biossido di azoto in Europa: i dati

Economia: i programmi per la ripresa ci pongono davanti a un bivio

Coronavirus, gli investimenti puntano già alla sostenibilità

Coronavirus, Milano verso una «nuova normalità»

L’assessore alla mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli, ha commentato la notizia confermando che dopo il Coronavirus «vogliamo riaprire l’economia, ma pensiamo che dovremmo farlo su una base diversa da prima». «Pensiamo di dover re-immaginare Milano nella nuova situazione – ha affermato Granelli -. Dobbiamo prepararci».

Janette Sadik-Khan, ex commissario per i trasporti di New York che adesso lavora con città come Bogotà e Milano per i loro programmi relativi ai trasporti, ha detto che, essendo stata colpita dal Coronavirus molto prima delle altre importanti città occidentali, Milano potrebbe dettare una «tabella di marcia» anche per le altre metropoli. Il programma annunciato da Milano «è importante perché stabilisce una buona strategia per ripristinare le città in questo momento» di crisi, ha detto Sadik-Khan, citata dal Guardian. Da New York, ha aggiunto, «guarderemo a Milano come a una guida».

«Penso che nel prossimo mese a Milano, in Italia, in Europa, decideremo parte del nostro futuro per il prossimo decennio», ha detto l’assessore Pierfrancesco Maran. E ha spiegato che «dovremmo accettare che per mesi, o forse un anno, ci sarà una nuova normalità, e dobbiamo creare condizioni per vivere questa nuova normalità, che siano buone per tutti».

Tags

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati