EsteroMeteo

Atmosfera marziana alle Canarie: nel cielo tantissima sabbia dal Sahara

Voli cancellati e aria irrespirabile: registrate esorbitanti concentrazioni di PM10

Le Canarie hanno vissuto giornate difficili a causa di un forte episodio di “calima“: un vento molto forte da est che ha sollevato una grande quantità di sabbia dal vicino deserto del Sahara. I finissimi granelli di sabbia (pulviscolo sahariano), hanno colorato il cielo di arancione creando un’atmosfera quasi marziana.

I video che arrivano dalle Canarie:

Atmosfera surreale alle Canarie: la sabbia colora il cielo di arancione

Nel weekend la visibilità è calata fino a poche centinaia di metri e la presenza di alte concentrazioni di sabbia ha costretto a cancellare i voli: circa 13 mila persone sono rimaste a terra. Questo eccezionale episodio di calima ha obbligato le persone a restare il più possibile dentro casa, per evitare problemi alle vie respiratorie.

La concentrazione di pulviscolo sospeso in aria ha raggiunto picchi impressionanti: i valori di PM10 hanno raggiunto punte di 969 ug/m3 a Lanzarote, i 941 ug/m3 a Fuerteventura e i 1872 ug/m3 a Gran Canaria.

Oggi la situazione tenderà a migliorare: la sabbia trasportata dal vento fino alle Canarie ha raggiunto il picco nella giornata di domenica, quando, secondo il servizio Skiron Forecast ha raggiunto concentrazioni di 6350 milligrammi per metro cubo (ossia 6,3 grammi per metro cubo di aria).

Tags

Silvia Turci

Ho conseguito una laurea specialistica in Comunicazione per l’Impresa, i media e le organizzazioni complesse all’Università Cattolica di Milano. Il mio percorso accademico si basa però sullo studio approfondito delle lingue straniere, nello specifico del francese, inglese e russo, culminato con una laurea triennale in Esperto linguistico d’Impresa. Sono arrivata a Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995) nel 2014 e da allora sono entrata in contatto con la meteorologia e le scienze del clima: una continua scoperta che mi ha fatto appassionare ogni giorno di più al mio lavoro.

Articoli correlati