Tecnologia e innovazione

Nel Regno Unito il primo aeroporto al mondo per auto volanti

I velivoli elettrici a decollo e atterraggio verticale, come droni cargo e auto volanti, potrebbero essere sempre più diffusi in futuro. Una delle sfide è quella di realizzare delle infrastrutture di terra adatte a ospitarli

La città di Coventry, nel Regno Unito, nel mese di aprile ospiterà la prima dimostrazione di come funziona un aeroporto dedicato alle auto volanti.

Quello di Coventry è il primo aeroporto di questo tipo che sia mai stato realizzato al mondo, ed è stato sviluppato dalla start-up britannica Urban-Air Port (UAP).
Per tre settimane sarà possibile accedere a una mostra e assistere alle prime dimostrazioni di come funzionano le strutture dedicate all’atterraggio, alla ricarica e al decollo dei “velivoli elettrici a decollo e atterraggio verticale” (eVTOL, electric vertical take off landing), come auto e taxi volanti ma anche droni cargo.

Gli investimenti per la realizzazione dell’aeroporto sono arrivati da Supernal, ex divisione della mobilità aerea urbana di Hyundai Motor Group, e secondo quanto ha riferito Urban-Air Port in futuro i finanziamenti saranno destinati anche allo sviluppo di 200 hub di questo tipo in tutto il mondo. Stando alle previsioni rese note dalla start-up in una nota, le 200 strutture dovrebbero essere realizzate in diverse zone del mondo nei prossimi 5 anni.

Il fondatore di Urban-Air Port, Ricky Sandhu, ha detto che i velivoli elettrici a decollo e atterraggio verticale hanno un potenziale «impareggiabile» di «rivoluzionare la mobilità», ma che «l’importanza delle infrastrutture di terra è troppo spesso trascurata».
Ad aprile, promette la start-up, la dimostrazione del funzionamento dell’hub britannico mostrerà come la mobilità aerea avanzata «può aiutare a sbloccare il potenziale della mobilità sostenibile e come l’industria lavorerà per ridurre il traffico, ridurre l’inquinamento atmosferico e decarbonizzare i trasporti».

Leggi anche:

Serbia, fermato il progetto della miniera di litio del gruppo Rio Tinto

Orso marsicano, l’appello del WWF: «Abbiamo meno di 30 anni per salvarlo»

 

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie