EnergiaIniziativeProgetti

Il vento è una fonte decisiva nel cammino verso l’energia pulita. E in Italia qualcosa si muove

L'Italia punta al 30% di rinnovabili entro il 2030: il ruolo del vento nella produzione di energia può essere decisivo

Il 15 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Vento, istituita per sensibilizzare sull’importanza dell’energia eolica.
Il vento rappresenta infatti una delle fonti di energia più sostenibili in circolazione, e sta diventando un punto di riferimento importante per le politiche energetiche e ambientali di molti Paesi. Tra questi c’è anche l’Italia, che nel 2015 ha sottoscritto con altri 193 Paesi membri delle Nazioni Unite l’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile: tra gli obiettivi spicca anche una transizione verso fonti di energia sostenibili e pulite, con l’impegno a garantire l’accesso a servizi convenienti e affidabili e ad aumentale la quota di energie rinnovabili nel consumo totale. In particolare, con il Piano Nazionale Integrato Energia e Clima, l’Italia si è posta l’ambizioso obiettivo di raggiungere il 30% di rinnovabili entro il 2030.
Secondo l’International Energy Agency il vento è destinato a diventare la prima fonte di energia elettrica in Europa entro pochi anni e, attualmente, l’Italia produce il 5% della potenza eolica del Continente.

Una delle prospettive a cui attualmente si guarda di più è quella dell’eolico offshore, ovvero in mezzo al mare: un’opzione che offre grande potenza di vento e permette di creare meno disturbi alla cittadinanza.
L’Italia sembra muoversi ora verso questa direzione: è stato infatti presentato il progetto di una maxi centrale eolica che potrebbe sorgere nel Mare adriatico. 59 aerogeneratori – i “mulini a vento” – verrebbero installati al largo di Rimini e di Cattolica e secondo le previsioni permetterebbero di generare 330 megawatt.
L’investimento, secondo le stime, varrebbe un miliardo di euro.

Anche Legambiente si è schierata a favore del progetto: il presidente Stefano Ciafani ha affermato che «questo è l’unico acciaio che vogliamo in mare, quello che permette di riconvertire aziende e lavoratori dell’oil&gas».

A questo link è possibile prendere visione del progetto proposto dalla società Energia Wind 2000.

Leggi anche:

Energia, sorpasso storico negli USA: le fonti rinnovabili superano il carbone

Emergenza climatica, cosa contiene la mozione approvata dal Senato

Maggio 2020: per l’Italia un mese molto caldo e secco

Pioggia abbondante a giugno: ne è già arrivata più di quella tipica dell’intero mese

Tags

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati