ClimaEsteroNotizie MondoTemperature

Clima, aprile 2022 è il sesto più caldo a livello globale: i dati Copernicus

Temperature eccezionalmente più alte della media si sono registrate in un'ampia regione che si estende dall'Africa nord-orientale attraverso il Medio Oriente fino all'Asia centrale e meridionale

Aprile 2022 è stato a livello globale il sesto più caldo dall’inizio dei record: a stabilirlo è il bollettino climatico mensile di Copernicus. In base ai dati raccolti, le temperature in gran parte dell’Europa sono state vicine ai valori medi per il periodo 1991-2020 mentre l’estensione del ghiaccio marino antartico è stata del 13% inferiore alla media 1991-2020, classificandosi al 5° posto più basso, insieme al 2006 e al 2018, nel record satellitare di 44 anni. Aprile 2022, inoltre, è stato più piovoso della media in vaste regioni dell’Australia e del Sud Africa, quest’ultima colpita dalla tempesta Issa che ha causato forti precipitazioni e inondazioni.

Alluvioni disastrose in Sudafrica: oltre 300 i morti, a Durban metà della pioggia annuale in 48 ore

Aprile 2022, temperature insolitamente elevate dall’Africa nord-orientale attraverso il Medio Oriente fino all’Asia centrale e meridionale

Mentre nell’Europa settentrionale, occidentale e meridionale le temperature medie di aprile 2022 differivano di poco dalla media 1991-2020, per l’Europa centrale e in alcune parti dell’est sono state più fredde. Nell’estremo sud-est del continente, invece, sono risultate più calde della media.

Temperature decisamente molto più alte della media si sono invece registrate in un’ampia regione che si estende dall’Africa nord-orientale attraverso il Medio Oriente fino all’Asia centrale e meridionale. Le temperature pre-monsoniche sono state eccezionalmente elevate sul Pakistan e sull’India settentrionale: l’ondata di caldo ha portato a gravi carenze di acqua ed elettricità, nonché a danni ai raccolti.

Primavera rovente in India, superati i 45°C. A Nuova Delhi aria irrespirabile per il fumo degli incendi

Le temperature sono state molto più alte della media anche in Groenlandia, nella Russia più orientale e nei settori di Ross e Weddell dell’Antartide. Altre regioni con temperature superiori alla media includono gli Stati Uniti meridionali e sud-occidentali, il Messico, parti dell’Estremo Oriente e l’Australia settentrionale. Aprile 2022 è stato invece molto più freddo della media nel Canada centrale e occidentale e in gran parte dell’Oceano Artico coperto di ghiaccio. A livello globale, aprile 2022 è stato:

    • 0,28°C più caldo della media 1991-2020 di aprile;
    • il sesto aprile più caldo mai registrato, anche se solo leggermente più freddo di aprile 2018;
    • più di 0,2°C in meno rispetto agli aprile più caldi, che sono stati nel 2016 e nel 2020;
    • leggermente più caldo di aprile 2010, l’aprile più caldo prima di aprile 2016.

Estensione del ghiaccio marino artico e antartico: i dati

L’estensione del ghiaccio marino antartico per aprile è stata del 13% inferiore alla media 1991-2020, classificandosi al 5° posto più basso, insieme al 2006 e al 2018, nel record satellitare di 44 anni. Intorno all’Antartide, i mari di Ross, Amundsen e Weddell settentrionale hanno visto vaste aree di concentrazione di ghiaccio marino inferiore alla media. L’estensione del ghiaccio marino artico era del 2% inferiore alla media 1991-2020, classificandosi al di fuori delle dieci estensioni più basse. Nel dettaglio, l’estensione media mensile del ghiaccio marino artico nell’aprile 2022 ha raggiunto 14,1 milioni di km 2 , ovvero 0,3 milioni di km 2 (o 2%) al di sotto della media 1991-2020.

A sinistra: concentrazione media di ghiaccio marino artico per aprile 2022. La spessa linea arancione indica il bordo climatologico del ghiaccio marino per aprile per il periodo 1991-2020. A destra: anomalie della concentrazione di ghiaccio marino artico per aprile 2022 rispetto alla media di aprile per il periodo 1991-2020. Fonte dei dati: ERA5. Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Nell’aprile 2022, l’estensione del ghiaccio marino antartico ha raggiunto in media 6,3 milioni di km 2 , 0,  0,9 milioni di km 2 (13%) al di sotto della media 1991-2020 per marzo, iniziando la sua crescita annuale dopo aver raggiunto il minimo annuale a febbraio.

A sinistra: concentrazione media di ghiaccio marino antartico per aprile 2022. La spessa linea arancione indica il bordo climatologico del ghiaccio per aprile per il periodo 1991-2020. A destra: anomalie della concentrazione di ghiaccio marino antartico per aprile 2022 rispetto alla media di aprile per il periodo 1991-2020. Fonte dei dati: ERA5. Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.
Leggi anche:

Inquinamento acustico: cambierà qualcosa con le auto elettriche?

Nel New Mexico il secondo incendio più grande degli ultimi 30 anni

Siccità in Italia, all’appello manca più acqua di quella di tutto il Lago di Como

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie