ClimaTemperature

Caldo record in Norvegia: 19 gradi dove la media è di -5. Il punto della situazione

Il principale responsabile del caldo record è stato il vento, spiegano gli esperti: oggi le temperature sono già in picchiata

La Norvegia ha vissuto un’ondata di caldo record, con la colonnina di mercurio che ieri ha superato i 15 gradi in diverse zone arrivando addirittura a toccare i 19°C a Sunndalsøra, vicino alla costa occidentale del Paese scandinavo.

Secondo l’istituto meteorologico della Norvegia, i 19 gradi registrati ieri rappresentano un nuovo record assoluto di caldo per il mese di gennaio: il precedente, di 17,9 gradi, era stato registrato nel 1989 a Tafjord, una località vicina a Sunndalsøra.

Come ci ha spiegato il meteorologo Giovanni Dipierro, «negli ultimi giorni la Norvegia è stata dominata da un’area di alta pressione che, tra il sud del Paese e il Baltico, è stata associata a una massa d’aria eccezionalmente mite per la stagione». A questo, afferma lo scienziato, si è aggiunta «la presenza di intense correnti sud-occidentali in quota, che hanno favorito venti di Foehn con raffiche a sfiorare i 70 km orari. Il riscaldamento prodotto da questi venti, del tutto analogo a quello che viviamo in Italia sottovento alle Alpi, ha determinato localmente temperature estremamente elevate, che tra l’altro sono state registrate in un orario prossimo all’alba».
Questa fase di caldo record è già finita, ci spiega il meteorologo: la zona è stata raggiunta da «una perturbazione associata ad aria gelida, che sta già determinando un crollo delle temperature e, quindi, il ritorno a un clima più consono per questa area d’Europa».

Tags

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati