IniziativeSalute del pianeta

Leah Namugerwa: la “Greta africana”

Vive in Uganda, ha solo 15 anni e si è messa a manifestare a favore dell'ambiente

Arriva dall’Uganda un’altra voce adolescente che vuole lottare per la tutela dell’ambiente: si tratta di Leah Namugerwa quindicenne che prendendo ispirazione da Greta Thunberg, si è messa a manifestare contro l’utilizzo dei sacchetti di plastica e la deforestazione. “Mi chiamo Namugerwa Lah. Sono un’attivista per il clima. Chiedo al presidente Yoweri Museveni di mettere al bando le buste di plastica. Questo è l’hashtag che ho creato: #banplasticug. Firma la mia petizione su Green Campaign Africa”. Queste le parole che l’adolescente usa sui social network riprese da testate come Aljazeera e Time. Ispirandosi a Greta Thunberg la ragazzina africana ha iniziato una campagna contro i combustibili fossili, i sacchetti di plastica, la deforestazione, il degrado delle zone umide, l’inquinamento dell’aria e ogni altra forma di ingiustizia contro il clima e abuso ambientale.

https://twitter.com/namugerwaleah

Ogni venerdì da circa 8 mesi salta la scuola per unirsi ai cortei a cui partecipano adolescenti come lei, preoccupati per gli effetti dell’inquinamento sugli equilibri climatici del nostro Pianeta. Ai microfoni di Aljazeera tempo fa ha dichiarato: “Noi protestiamo perché siamo giovani, stiamo lottando per il nostro futuro”. Leah ha lanciato anche un’altra iniziativa: il compleanno degli alberi. “Mi sono resa conto che sprechiamo molto cibo per festeggiare il nostro compleanno. Ma non celebriamo quello del Pianeta, sebbene dipendiamo completamente dalle sue risorse. Ecco perché voglio lanciare il #birthdaytrees”.

Tags

Stefania Andriola

Lavoro in redazione da febbraio 2010. Mi piace definirmi “giornalista, scrittrice e viaggiatrice”. Adoro viaggiare, conoscere culture diverse; amo correre, andare in bicicletta, fare lunghe passeggiate ma anche leggere un buon libro. Al mattino mi sveglio sempre con un’idea: cercare di aggiungere ogni giorno un paragrafo nuovo e interessante al libro della mia vita e i viaggi riempiono le pagine che maggiormente amo. La meteorologia per me non è solo una scienza ma è una passione e un modo per ricordarmi quanto siamo impotenti di fronte alle forze della natura. Non possiamo chiudere gli occhi e dobbiamo pensare a dare il nostro contributo per salvaguardare il Pianeta. Bastano piccoli gesti.

Articoli correlati