IniziativeNotizie MondoPoliticheTerritorio

Svalbard, esteso il parco nazionale: la Norvegia vuole proteggere foche e orsi polari dalla crisi climatica

A volte ci sono anche buone notizie, e oggi arrivano dal paradiso naturale delle Isole Svalbard, in Norvegia!

Il governo del Paese ha infatti recentemente ampliato il parco nazionale del Nordenskiöld Land di quasi 3 mila chilometri quadrati: l’area protetta ora prenderà il nome di parco nazionale del Van Mijenfjorden.
L’ampliamento permette di comprendere nel parco anche le ultime aree dei fiordi sul versante occidentale delle Svalbard, in cui il ghiaccio marino – messo a dura prova dalla crisi climatica – al momento risulta anoca stabile.

In un comunicato stampa diramato dal Governo, il ministro del Clima e dell’Ambiente Sveinung Rotevatn ha spiegato che si tratta di un passo importante «per le specie vulnerabili che necessitano di aree marine ghiacciate per sopravvivere, come la foca dagli anelli e l‘orso polare».

Sul lato occidentale delle Svalbard, afferma il Governo norvegese, «il cambiamento climatico ha già portato a importanti riduzioni nella distribuzione del ghiaccio marino», e di conseguenza «l’habitat delle specie che dipendono dal ghiaccio, come le foche dagli anelli e gli orsi polari, è drasticamente diminuito».
Il parco nazionale proteggerà ora l’area in cui secondo le previsioni il ghiaccio marino dovrebbe resistere più a lungo alla crisi climatica, e ci si aspetta che in futuro diventi estremamente importante per la protezione di queste specie.

svalbard norvegia parco nazionale
Unsplash/Cezary Morga

L’obiettivo dell’esecutivo di Oslo «è che le Svalbard rappresentino una delle aree selvagge gestite meglio al mondo», ha sottolineato il governo, spiegando che questo richiede «misure volte ad affrontare il cambiamento climatico».

L’area protetta sorge in quella che per decenni è stata una zona sfruttata per le sue risorse minerarie: fino a pochi anni fa enormi navi hanno navigato il fiordo di Van Mijen per trasportare il carbone dalla miniera di Svea. Oggi nella zona avanzano a passo sostenuto i lavori per smantellare tutte le infrastrutture legate all’estrazione del carbone, ma le isole Svalbard ospitano ancora due miniere attive.

Leggi anche:

Record in Russia: in 120 anni mai così caldo nel mese di giugno a Mosca

Clima, «umanità in pericolo»: indiscrezioni sulla bozza del rapporto IPCC. Cosa sappiamo per ora

Grandi Navi a Venezia, l’ultimatum dell’Unesco: se non si fermano subito la Serenissima rischia la lista nera dei siti in pericolo

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere moderne per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert, allora conosciuto come Centro Epson Meteo: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore.

Articoli correlati

Back to top button