EsteroNotizie Mondo

Uragano Ian, impatto catastrofico sulla Florida: l’onda di tempesta sommerge la costa

Tre le zone più colpite c'è Fort Myers, dove mareggiate e storm surge hanno raggiunto i 5 metri di altezza

L’uragano Ian, dopo aver attraversato Cuba, ha raggiunto la Florida dove sta portando venti violenti, piogge intense, mareggiate e un’onda di tempesta che ha fatto andare sott’acqua molte zone costiere. Come si prevedeva, gli effetti dell’impatto di Ian sulla terraferma è stato catastrofico. Dall’inizio delle registrazioni nel 1851, solo 14 uragani di categoria 4 o 5 si sono abbattuti sulla Florida.

Oltre 2 milioni di abitazioni sono rimasti senza corrente. Per fortuna al momento non si sono contano vittime o feriti gravi, ma sono ingenti e numerosi i danni a strutture, alberi e infrastrutture.

Uragano Ian sulla Florida, sott’acqua vaste zone: l’onda di tempesta ha superato i 3 metri

La zona più colpita è stata quella compresa tra Englewood  e Bonita Beach, poco a sud di Fort Myers, zona che include anche Charlotte Harbor, zone costiere del sud-ovest della Florida. Qui, oltre a venti “catastrofici” ad oltre 240 km/h, si sono verificate inondazioni costiere devastanti.

Le mareggiate e lo “storm surge“, fenomeno che accompagna i cicloni nel loro arrivo sulla terraferma, ha provocato l’innalzamento del mare di 3 metri oltre il livello normale di marea. Nell’area di Fort Myers l’onda di tempesta è arrivata probabilmente a superare i 5 metri di altezza.

Questo fenomeno, chiamato anche onda di tempesta o onda di marea, ha alzato il livello del mare in prossimità del centro dell’uragano, abbassandolo nelle zone più periferiche della tempesta. Poche ore prima dell’arrivo della tempesta in molti hanno segnalato un anomalo abbassamento della marea nella zone della baia su cui si affaccia la città di Tampa.

Tutta la forza dell’uragano, la pressione interna e soprattutto i forti venti ad oltre 250 km/h, hanno “risucchiato” il mare nel cuore della tempesta: una volta raggiunta la terraferma l’uragano Ian ha “trascinato” con sé questo dislivello, mandando sott’acqua così la costa.

 

Ian porta piogge intense: previsti accumuli massimi oltre i 700 mm

Le zone maggiormente esposte sono ovviamente quelle costiere, ma il passaggio di Ian coinvolge anche le zone interne. 

Al rischio di allagamento costieri che continuerà anche nei prossimi giorni, tra Florida nord-orientale e Georgia e Carolina del Sud, sono previsti allagamenti diffusi anche causati dalle abbondanti piogge in arrivo. In tutto si stima che Ian scaricherà al suolo dai 300 ai 500 mm di pioggia, con locali punte addirittura di oltre 750 mm. Si tratta di oltre mezzo metro di pioggia, in pochi giorni. Le zone dove sono previsti gli accumuli più ingenti sono la Florida centro e nord-orientale. Previsti massimi di 200-300 mm nelle zone costiere di Georgia e Carolina del Sud.

Almeno 2 milioni di abitazioni sono rimaste senza corrente in Florida nella notte di mercoledì 28. Le autorità hanno ordinato una evacuazione di massa prima dell’arrivo dell’uragano, ordine che ha coinvolto milioni di abitanti.

Arrivato sulla terraferma Ian si è leggermente indebolito: ora è un uragano di categoria 1, con venti massimi a 150 km/h e raffiche più intense. Secondo le proiezioni degli esperti del National Hurricane Center della NOAA, Ian tenderà a perdere ancora forza nelle prossime ore, quando raggiungerà la costa est della Florida, diretto verso Georgia e Carolina del Sud, che dovrebbe raggiungere venerdì 30 settembre.

uragano ian florida
Traiettoria dell’uragano Ian

 

Leggi anche:

Le Florida Keys presto finiranno sott’acqua: serve un piano d’azione

Il riscaldamento globale renderà gli uragani più intensi e distruttivi?

Silvia Turci

Ho conseguito una laurea specialistica in Comunicazione per l’Impresa, i media e le organizzazioni complesse all’Università Cattolica di Milano. Il mio percorso accademico si basa però sullo studio approfondito delle lingue straniere, nello specifico del francese, inglese e russo, culminato con una laurea triennale in Esperto linguistico d’Impresa. Sono arrivata a Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995) nel 2014 e da allora sono entrata in contatto con la meteorologia e le scienze del clima: una continua scoperta che mi ha fatto appassionare ogni giorno di più al mio lavoro.

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie