ClimaItaliaPolitiche

Clima, accordo G7: stop a finanziamenti centrali a carbone entro fine 2021

I Paesi del G7 per la prima volta dicono basta ai finanziamenti pubblici delle centrali a carbone: si tratta di un altro importante passo verso l'obiettivo della neutralità climatica del 2050

Il clima continua ad essere una priorità per i Paesi industrializzati, che stanno continuando a innalzare i propri obiettivi per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050. Oggi i ministri dell’ambiente del Paesi del G7 – quindi Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito e Stati Uniti d’America -, hanno raggiunto un accordo per porre fine agli aiuti pubblici alle centrali a carbone entro la fine del 2021.

«Si tratta di un passo avanti importante – afferma Svenja Schulze, ministro tedesco dell’Ambiente -, perché solo in questo modo noi, come paesi industrializzati, possiamo esigere in modo credibile che altri ci seguano su questa strada».

Clima, un altro importante passo verso la riduzioni delle emissioni: l’accordo dopo due giorni di consultazioni virtuali presiedute dalla Gran Bretagna

«Nello specifico – annunciano i ministri dell’Ambiente e del Clima del gruppo del G7 -, ci siamo espressi a favore della protezione del 30% della terra e della superficie oceanica entro il 2030, a livello globale e nazionale. Per la prima volta, tutti i paesi del G7 si sono impegnati a porre fine al finanziamento delle centrali elettriche a carbone all’estero».

La Germania anticipa i tempi: neutralità climatica nel 2045. I nuovi obiettivi

Gli Stati Uniti hanno annunciato il proprio obiettivo per la riduzione delle emissioni

Clima, accordo raggiunto: la Ue ridurrà le emissioni di almeno il 55% entro il 2030

Il G7 concorda sul fatto che ulteriori investimenti nella produzione di energia elettrica a carbone in tutto il mondo devono essere interrotti ora perché non sono compatibili con l’obiettivo di mantenere il limite di temperatura di 1,5 gradi, come stabilito dall’accordo di Parigi.

G7, un impegno che vuole salvaguardare lo stretto legame tra natura e protezione del clima

La preoccupazione principale dei Paesi del G7 è lo stretto legame tra natura e protezione del clima, ponendo l’accento sull’importanza di salvaguardare la biodiversità. A tal proposito tutti i Paesi lavoreranno a un ambizioso quadro globale, sostenendo l’obiettivo di proteggere almeno il 30% della superficie terrestre e il 30% dell’area oceanica in tutto il mondo entro il 2030, incluso nel proprio paese. In particolare, viene sostenuta la creazione di aree marine protette nell’Antartide orientale.

Possono interessarti:

Emissioni zero 2050, la Roadmap dell’AIE: come cambia il mondo dell’energia

La vita nell’Artico ai tempi del riscaldamento globale: studi recenti, big data e scenari futuri

Gas serra e riscaldamento globale: il ruolo chiave dell’anidride carbonica

Smog, a Milano il biossido di azoto uccide 1500 persone all’anno: lo studio

Le ultime notizie:

Biodiversità: il fragilissimo valore che regge il Pianeta

Biodiversità, il ritorno di 3 grandi felini europei. WWF: «Popolazione in aumento»

Artico, così sta scomparendo il ghiaccio marino [VIDEO]

“Incendi zombie” destinati a diventare sempre più frequenti: ecco cosa sono

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie