ItaliaPolitiche

Governo ConteBis e Green New Deal: gli obiettivi del nuovo esecutivo

Rigenerazione urbana, conversione energetica e mitigazione dei cambiamenti climatici tra gli obiettivi del nuovo governo

Il Premier Giuseppe Conte durante il voto di fiducia alla Camera tenutosi in questo lunedì 9 settembre ha dedicato parte del suo discorso sugli obiettivi del nuovo Governo sulla questione ambientale e climatica. Il Premier Conte ha parlato proprio di un Green New Deal incentrato sulla rigenerazione urbana, sulla conversione energetica, sull’attenzione e la protezione della biodiversità, sulla tutela dei mari e sull’attuazione di policy che abbiano la finalità di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici in atto. 

Il Premier ha evidenziato come l’Italia e il resto del Pianeta si trovi di fronte a cambiamenti epocali per i quali è necessario cambiare le singole governance orientandole alla sostenibilità al fine di garantire l’equità intergenerazionale. 

E’ stato posto in modo chiaro e netto il NO alle trivellazioni per l’estrazione di idrocarburi, inserito in una politica più generale che deve inserire lo sviluppo sostenibile nei principi fondamentali del piano costituzionale. 

Questo cambiamento di rotta deve indirizzare il Paese verso l’economia circolare perché si dica sì al riciclo e no al rifiuto. Il Premier ha dedicato parte del discorso al settore agricolo, per il quale si intende potenziare lo sviluppo della filiera biologica garantendo la sostenibilità delle coltivazioni, un uso efficiente della terra che mantenga l’attenzione sull’autenticità dei territori. A questo proposito si intende potenziare l’attenzione verso l‘etichettatura degli alimenti perché i percorsi della filiera alimentare siano quanto più possibile trasparenti per i consumatori.

Si intende tradurre l’attenzione al territorio anche mediante l’accelerazione della ricostruzione delle aree terremotate e attraverso un lavoro di prevenzione con la messa in sicurezza delle zone ad alto rischio di dissesto idrogeologico. 

Strettamente correlato all’introduzione di un Green New Deal italiano è lo sviluppo tecnologico del Paese per il quale con il Governo Conte è stato istituito un nuovo Dipartimento per la trasformazione digitale (DTD) e per il quale sarà centrale il potenziamento della rete di infrastrutture, il cui sviluppo dovrà essere attuato seguendo politiche in difesa del territorio, dell’ambiente e con particolare riguardo agli impatti sociali.

L’attuazione di queste politiche, collocherebbe il Governo ConteBis in un raggio d’azione molto più ampio di quello nazionale viste e considerate le linee di indirizzo già designate dalla Presidente della Commissione Europea in materia di ambiente e sostenibilità.

Elisabetta Ruffolo

Nata a Milano, classe 1989, ha intrapreso un primo percorso accademico presso la Facoltà di Scienze dei Beni culturali dell'Università degli studi di Milano, curricula orientata al mondo del cinema e dello spettacolo. In seguito, per acquisire gli strumenti necessari per una visione ad ampio raggio della società e dei sistemi politici e amministrativi, ha conseguito la Laurea in Economia & Management Pubblico presso la facoltà di Scienze Politiche. Grazie ad una esperienza lavorativa nel Venture Capital entra in contatto con il mondo dell’innovazione e delle start-up, conclude così il percorso accademico con un elaborato finale in diritto dell'Economia volto ad analizzare i risvolti della dottrina nel sistema delle imprese innovative dal titolo "La normativa europea sull'equity crowdfounding: Problemi e prospettive". Approda a Meteo Expert nel 2016, dove si occupa di coordinare le attività di divulgazione scientifica in ambito televisivo, radiofonico ed editoriale.

Articoli correlati