InquinamentoTerritorioVideo

Coronavirus e rifiuti: cosa sta cambiando in Italia con la pandemia

Mentre la produzione di rifiuti urbani è diminuita in modo sensibile con l'emergenza Coronavirus, quella dei rifiuti sanitari è raddoppiata

La Commissione Ecomafie ha approvato all’unanimità la relazione che fotografa l’impatto del Coronavirus sulla filiera del settore rifiuti.

Con lo stop imposto dal Coronavirus è crollata la produzione dei rifiuti urbani

Dal rapporto Emergenza epidemiologica Covid-19 e ciclo dei rifiuti emerge che durante l’emergenza Coronavirus la produzione dei rifiuti urbani è diminuita in modo estremamente sensibile: i dati dell’Ispra confermano che, tra marzo e aprile 2020, i rifiuti urbani sono diminuiti di circa il 10%. Di questo passo, osservano i ricercatori, per la fine della pandemia si potrebbero raggiungere i livelli di 20 anni fa (poco meno di 29 milioni di tonnellate).

«Nella fase di applicazione delle più stringenti misure di contenimento – spiega la commissione bicamerale – si sono osservati una decisa contrazione nella produzione dei rifiuti speciali di origine industriale e un aumento dei rifiuti domestici e del rifiuto organico. Nel complesso, i rifiuti urbani sono diminuiti per effetto della forte riduzione» di quelli provenienti da commercio, turismo e terziario.

Ma i rifiuti sanitari sono più che raddoppiati

Il rovescio della medaglia appare evidente con l’analisi dei dati relativi alla produzione dei rifiuti sanitari. Anche se è ancora presto per valutare in modo esaustivo l’impatto del Coronavirus sulla loro produzione, infatti, è possibile stimare che questa sia almeno raddoppiata.

Il presidente della Commissione Ecomafie Stefano Vignaroli ha confermato che «in questi mesi si è assistito anche a un aumento di particolari rifiuti come guanti, mascherine, stoviglie e imballaggi monouso». Ha affermato anche che, «adesso che la fase più acuta dell’emergenza è alle spalle, è necessario usare in maniera più razionale questi prodotti, puntando anche sulla sensibilizzazione di cittadini e imprese».
«Nella vita quotidiana, infatti – ha sottolineato Vignaroli -, l’uso dei guanti non garantisce maggiore sicurezza e le mascherine di comunità riutilizzabili consentono una protezione adeguata. Nei locali pubblici, le stoviglie usa e getta non garantiscono più sicurezza e sono quindi da evitare in favore di quelle riutilizzabili».

Il video mostra la conferenza stampa in cui è stata presentata la relazione: si è tenuta a Roma l’8 luglio.

A questo link è possibile consultare la versione integrale della redazione, pubblicata dalla Camera dei Deputati.

Leggi anche:

I monsoni che stanno colpendo l’Asia sono più intensi del normale

Greenpeace, parte il tour “Difendiamo il Mare”: come stanno i nostri fondali?

Coronavirus e distruzione della natura: il monito di Onu, Oms e Wwf

Gli aggiornamenti da IconaMeteo:

Le previsioni del tempo

STATI UNITI nella morsa del CALDO: sfiorati i 50 GRADI a Palm Springs

Spagna tra CALDO ESTREMO e TEMPESTE: ALLERTA fino ad arancione

Tags

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati