InquinamentoTerritorioVideo

“SOS plastica”, Greenpeace in viaggio nel mar Tirreno lancia l’allarme: «ci troviamo di fronte a uno scenario scioccante»

Il video di Greenpeace dalla foce del Sarno

È iniziato il viaggio di Greenpeace che porta l’associazione a navigare nel mar Tirreno per monitorare l’impatto che la plastica ha sull’ecosistema marino.

Greenpeace plastica mare
Foto: Greenpeace

La nave di Greenpeace è già stata in Toscana, Lazio e Campania fermandosi ad analizzare le acque di Porto Santo Stefano, della Foce del Tevere e della Foce del Sarno. Proprio da qui arriva la testimonianza più grave. «Ci siamo trovati davanti a uno scenario davvero scioccante», racconta Giuseppe Ungherese di Greenpeace. «Enormi quantità di rifiuti che invadono la spiaggia e i fondali, figli inevitabili di un modello di consumo che si basa sull’impiego di grandi quantità di plastica usa e getta».
«E come se non bastasse – aggiunge – quello che possiamo mostrare è solo la parte visibile del problema: i fiumi possono portare in mare anche grandi quantità di microplastiche non individuabili a prima vista».

Tags

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati