Notizie Italia

Medicane, uragano mediterraneo sull’Italia: tutti gli aggiornamenti

I primi effetti del Medicane si stanno già facendo sentire: andiamo incontro a ore difficili con rischio alluvioni e raffiche da uragano

Come si temeva, vicino alla Sicilia ha preso forma un vero e proprio Medicane, un cosiddetto uragano mediterraneo. Si tratta di un ciclone particolarmente intenso che, pur sviluppandosi sul mar Mediterraneo, assume caratteristiche simili a quelle degli uragani che si formano sull’Oceano. Tra queste c’è il tipico “occhio del ciclone”, intorno al quale ruotano venti eccezionalmente intensi.

Dalla crisi climatica ai cicloni mediterranei: il passaggio è brevissimo

Apollo, così è stata rinominata la tempesta dall’Istituto Meteorologico di Berlino, insisterà a ridosso delle nostre regioni per tutta la giornata di venerdì per poi indebolirsi da domani, sabato 30 ottobre.

La giornata di venerdì 29 ottobre si profila estremamente difficile: alto il rischio di alluvioni. Preoccupano anche i venti, che sferzeranno il nostro territorio con raffiche potentissime (vicino all’occhio del ciclone saranno intense come i venti tipici degli uragani che si formano sugli oceani!) e il mare: le onde potranno raggiungere i 5-6 metri d’altezza e il rischio di mareggiate sarà alto, specie sulle coste più esposte al vento impetuoso che ruoterà intorno all’occhio del Medicane.

Allerta fino a rossa e scuole chiuse, Calabria e Sicilia si preparano all’impatto con il Medicane

L’Italia si è preparata all’impatto: le regioni più colpite saranno la Sicilia e la Calabria ed è stata diramata l’allerta meteo fino a rossa.

Il bollettino dell’allerta

Le scuole rimarranno chiuse in provincia di Reggio Calabria a San Lorenzo e Sinopoli, e in numerosi comuni della Sicilia, in particolare nelle province di Catania, Messina, Ragusa, Siracusa ed Enna, ma anche a Canicattì (Agrigento) e Pantelleria (Trapani). In molte zone sono stati chiusi anche gli uffici pubblici.


Aggiornamento delle 15:10 – Siracusano sott’acqua, mentre gli effetti del medicane si fanno sempre più sentire anche nelle zone interne

Gli effetti del medicane si stanno abbattendo sulla Sicilia orientale e si stanno facendo strada anche verso le zone interne. Al momento è ancora la provincia di Siracusa la più colpita dall’ondata di maltempo estremo provocata dal Medicane. Il fiume Anapo è esondato allagando le strade e anche i piani bassi di alcune abitazioni, in diverse zone le strade sembrano essersi trasformate in torrenti.
A Brucoli è esondato il torrente Porcatia e numerose famiglie sono rimaste isolate.


Aggiornamento delle 11:40 – situazione critica soprattutto nella zona di Siracusa, Augusta sott’acqua

Il Medicane sta provocando da ore piogge intense soprattutto sul settore meridionale della Sicilia. La situazione è critica nel Siracusano.

Impressionanti le immagini che arrivano dal comune di Augusta, dove le strade sono state sommerse dall’acqua.

 


Aggiornamento delle 8:30 – si registrano già disagi e allagamenti nel sud della Sicilia, c’è paura per le prossime ore

I primi effetti del Medicane si stanno già facendo sentire in questa prima parte della mattinata, soprattutto nei settori meridionali della Sicilia. Nella zona di Siracusa sono già stati segnalati allagamenti:

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie